GeneraleVaiolo delle scimmie, in Spagna l'origine del contagio in...

Vaiolo delle scimmie, in Spagna l’origine del contagio in Europa?

-

Rome
nubi sparse
31.5 ° C
33.1 °
29.2 °
57 %
2.1kmh
75 %
Sab
34 °
Dom
34 °
Lun
35 °
Mar
36 °
Mer
35 °

Sono due focolai spagnoli all’origine dei contagi europei del vaiolo delle scimmie?

Il primo e il secondo focolaio

Secondo El Pais il primo focolaio potrebbero essere divampato dopo il gay pride che si è svolto a Maspalomas, nell’isola di Gran Canaria, tra il 5 e il 15 maggio.

All’evento hanno partecipato 80mila persone. Scrive El Pais (la traduzione è del Messaggero): “All’incontro hanno partecipato alcuni dei casi positivi diagnosticati nei giorni scorsi a Madrid, due o tre giovani italiani il cui contagio è stato confermato a Roma e almeno un caso indagato nell’isola stessa. Secondo fonti sanitarie, tra la trentina diagnosticata a Madrid, ce ne sono diversi che hanno partecipato all’evento, anche se non è ancora possibile sapere se uno di loro sia il paziente zero di questo focolaio o se siano stati tutti infettati lì”.

L’altro focolaio, scrivono in Spagna, potrebbe essere partito da una sauna gay di Madrid.

L’ordine dei medici: contagi non solo sessuali

La trasmissione sessuale non è l’unica modalità di trasmissione del vaiolo delle scimmie. Lo si legge in un focus che la Federazione degli ordini dei medici ha pubblicato sul suo sito nell’area di informazioni ai cittadini “Dottore ma e’ vero che..? “.

La precisazione arriva per fare chiarezza dopo alcune dichiarazioni delle istituzioni sanitarie sul contagio fra uomini omosessuali e anche al fine di per evitare lo stigma alla comunità.

“L’infezione può derivare da uno stretto contatto con secrezioni respiratorie, lesioni cutanee di una persona infetta od oggetti recentemente contaminati – si spiega – e la trasmissione attraverso le particelle respiratorie delle goccioline di solito richiede un contatto faccia a faccia prolungato, il che mette a maggior rischio il personale sanitario oppure i membri della famiglia dei casi attivi. La catena di trasmissione più lunga documentata in una comunità è stata di sei infezioni successive da persona a persona. La trasmissione può avvenire anche attraverso la placenta dalla madre al feto (vaiolo delle scimmie congenito)”.

 

 

 

 

 

Ultime Notizie

Indurain: «Il ciclismo di oggi è più stressante ma Pogacar può vincere 6 Tour»

Ascolta la versione audio dell'articoloL'avversario più difficile da affrontare? “Gianni Bugno, fortissimo”. La salita più dura mai percorsa? “L'ho...

84.700 nuovi casi, 63 morti, in aumento ricoveri e terapie intensive

Sono 84.700 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati...

Usa, in Texas entra in vigore la legge che vieta l’aborto e lo punisce col carcere

La corte suprema del Texas ha autorizzato l’entrata in vigore di una legge del 1925...

Covid, aumentano i casi di polmonite con Omicron 5. Pregliasco: Quarta dose fondamentale

Tornano ad aumentare in Italia i casi di polmonite causata dal Covid che richiedono la...

malattie respiratorie, problemi neurologici, cefalea…

Il 24% di bambini e adolescenti che hanno superato la fase acuta del Covid con...

Guerra in Ucraina, testimonianza dal fronte: pensando alla moglie

La guerra in Ucraina, la vita al fronte nella testimonianza raccolta da Antonio Buttazzo. È...

Devi leggere

forse sparatoria durante una tentata rapina

Un uomo, Giuseppe Tupputi, di...

Potrebbe piacerti ancheIMPARENTATO
Consigliato a te