BikeTra campioni in maglia rosa e cicloturisti per caso,...

Tra campioni in maglia rosa e cicloturisti per caso, il fascino del Ghisallo non tramonta mai

-

Rome
poche nuvole
27.5 ° C
29.6 °
26.1 °
81 %
1.5kmh
20 %
Lun
34 °
Mar
34 °
Mer
36 °
Gio
36 °
Ven
35 °

Ascolta la versione audio dell’articolo

È un posto magico. Molto magico.
Un luogo del cuore per sportivi o per chi semplicemente insegue il respiro della natura. Una natura fresca e rilassante che sembra fatta apposta per sfuggire al caldo troppo opprimente. Con quel profumo di sottobosco che ti avvolge salendo tra faggi e castagni secolari.

Molti lo conoscono perchè il Colle del Ghisallo non è solo un valico (750 metri) che collega la Valsassina con il Lario, che è quella parte di terra compresa tra i due famosi rami del lago di Como. No, oltre a questo, e agli, ahimè, ineludibili riferimenti manzoniani (chi a scuola non ha dovuto scrivere un tema sul “paesaggio dei Promessi sposi”?), il Ghisallo è la mèta simbolo dei ciclisti di ogni tempo. Anche dei motociclisti, certo, ma prima arrivano loro, i ciclisti, amatoriali o professionisti non importa.

Questa terra è la loro terra, perchè da qui passa il Giro di Lombardia (spesso anche il Giro d’Italia) e perchè qui dai primi del Novecento è bello ritrovarsi quando si scollina dopo le fatiche di una salita che non è mai uguale. E dove hanno lasciato il segno i Signori del ciclismo. Da una parte sorge il piccolo Santuario della Madonna del Ghisallo, camera con vista di un panorama meraviglioso. Dentro il santuario, profana ma non tanto, c’è una sorprendente raccolta di cimeli e biciclette di ogni tempo. Proprio per la sua popolarità tra gli appassionati, la Madonna del Ghisallo fu proclamata nel 1949 patrona dei ciclisti da Papa Pio XII grazie alla sollecita segnalazione di don Ermelindo Viganò, indimenticabile parroco di anime e di ciclismo, e non sempre in questo ordine.

Jai Hindley firma la maglia rosa del Giro d’Italia al museo del Ghisallo

Dall’altro lato, inaugurato nel 2006, grazie anche alla forte spinta di Fiorenzo Magni, Leone delle Fiandre e Terzo Uomo tra Coppi e Bartali, ecco spiccare sulla destra il Museo del Ciclismo Madonna del Ghisallo, imprescindibile deposito della memoria velocipedistica insieme a quello di Alessandria città delle Biciclette. Ebbene, qui al Ghisallo sulle due ruote potete trovare di tutto, ma proprio tutto: 1607 cimeli fra biciclette, maglie, tessere, documenti, attrezzatura meccanica, coppe, premi e francobolli.

Di una bellezza speciale sono le maglie: maglie rosa, maglie storiche, maglie di lanetta e di cotone, maglie di campioni e maglie di gregari. In ognuna c’è dietro una storia, una vittoria, una sconfitta, una caduta, una impresa. C’è quella sensazione unica e impagabile che da qui sia passata la Storia . Non solo quella ciclistica, ma di un intero Paese che nel ciclismo, sport di strada per eccellenza, spesso si è specchiata.

Ultime Notizie

in fiamme il parco del Pineto

Oggi, lunedì 4 luglio, un nuovo incendio ha colpito Roma, nella zona ovest, nell’area della...

Omicidio Willy Monteiro, fratelli Bianchi condannati all’ergastolo. Applausi in aula

Sono stati condannati all’ergastolo i fratelli Marco e Gabriele Bianchi accusati dell’omicidio di Willy Monteiro...

quanta acqua consumano gli italiani? 245 litri al giorno, 30 solo per lavarsi i denti

Ogni italiano consuma 245 litri di acqua al giorno: fino a 30 litri solo per...

Jayland Walker, 25enne afro-americano ucciso a colpi di pistola dalla polizia di Akron VIDEO

Un 25enne afro-americano, Jayland Walker, è stato ucciso a colpi di pistola, si parla di...

Il Tour de France saluta la Danimarca con la vittoria dell’olandese Gronewegen, Van Aert sempre per maglia gialla

Tour de France, Dylan  Gronewegen, 29 anni, potente velocista del equipe BikeExchange, ha vmedianteto mediante volata la terza e ultima tappa danese battendo di un soffio la maglia gialla Van Aert (per la terza volta mmedianteore !) e Philipsen. Quarto Sagan chiuso da Van Aert che gli ha impedito lo sprmediantet con una sportellata più […]

­­­­­Donne d’impresa: Susanna Rinaldi – counselor e fondatrice del centro olistico Siena

­­­­­Donne d’impresa: Susanna Rinaldi – counselor e fondatrice del nucleo olistico Siena, imprenditrice figlia di imprenditori. Susanna Rinaldi ha incominciato il adatto percorso professionale proprio nell’azienda di famiglia, la Rinaldi Spa, parte del gruppo di fabbrica e immobiliare Rinaldi, nata negli anni ’50 grazie al padre che aveva intuito il boom che sarebbe accaduto nel settore […]

Devi leggere

amore, umore, per tutti i segni dello zodiaco.

Oroscopo domani 22 giugno 2022...

dovranno essere comunicati 90 giorni prima, ecco perché

Licenziamenti bloccati di fatto fino...

Potrebbe piacerti ancheIMPARENTATO
Consigliato a te