Generalesono 1500 in totale, 1000 stanno ancora esercitando la...

sono 1500 in totale, 1000 stanno ancora esercitando la professione

-

Rome
cielo sereno
22.7 ° C
23.9 °
21.6 °
95 %
1.5kmh
0 %
Dom
33 °
Lun
35 °
Mar
34 °
Mer
36 °
Gio
31 °

Medici no vax: sono 1500 in totale e 1000 stanno ancora esercitando la professione. Sono presumibilmente circa 1500, secondo i dati della Federazione nazionale ordini dei medici (Fnomceo), i medici non vaccinati.

Di questi, circa 1000 stanno ancora esercitando la professione, ovvero quasi il 70% sul totale dei non vaccinati. Lo afferma il presidente Fnomceo Filippo Anelli, che lancia un appello ai colleghi non immunizzati – ma che possono vaccinarsi perché non hanno motivazioni legate al loro stato di salute – a sottoporsi subito alla vaccinazione.

Medici no vax, 500 sono sospesi

Dei 1500 medici non vaccinati, 500 sono attualmente sospesi. Altri 120, prima sospesi, hanno regolarizzato la propria posizione comunicando l’avvenuta vaccinazione.

Un piccolissimo gruppo, rispetto ai 460mila medici e odontoiatri iscritti alla Fnomceo, ma che preoccupano anche per l’effetto indotto che questi possono avere sulle scelte che poi vengono fatte dai loro pazienti, oltre che per il rischio contagio durante il lavoro.

“Siamo tutti impegnati, come aziende sanitarie e ospedaliere, sul tema dei sanitari no vax con l’obiettivo, più che di punire il singolo, di massimizzare la copertura vaccinale collettiva. E, da questo punto di vista, un primo risultato è stato già raggiunto: chi aveva timori o dubbi anche tra gli operatori sanitari, a seguito dei controlli avviati, si è convinto a immunizzarsi e ha regolarizzato l’avvenuta vaccinazione”, ha spiegato Giovanni Migliore, presidente di Fiaso, la Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere, che precisa come gli operatoti sanitari no vax siano “una minoranza” e si valuta “caso per caso”.

“Le aziende, che si sono adeguate alle diverse indicazioni ricevute su base regionale, hanno istituito percorsi di verifica e di controllo senza i quali sarebbe inficiato qualsiasi provvedimento e hanno nominato commissioni che sono al lavoro per valutare le posizioni dei dipendenti caso per caso – aggiunge Migliore – Le singole istanze necessitano di una valutazione clinica approfondita: tra gli operatori sanitari, infatti, chi non si vuole vaccinare per una questione ideologica rappresenta una minoranza; la maggior parte dei non vaccinati, invece, ha presentato richieste di esonero motivate da ragioni di salute, spesso per patologie gravi, malattie autoimmuni o neurologiche, che hanno bisogno di un’analisi appropriata da parte degli specialisti. In diversi casi, inoltre, le aziende hanno anticipato i provvedimenti di sospensione degli ordini professionali. Decisioni confermate anche dalla giurisprudenza, come ad esempio per l’Asl di Brindisi”, conclude il presidente Fiaso.

Obbligo di vaccinazione per i medici, l’Assomed è favorevole

Quella dei medici non vaccinati contro il virus Sars-Cov-2 e che continuano ad esercitare la professione “è una situazione numericamente insignificante. Rispetto alle centinaia di migliaia di medici che esercitano in Italia ma che va limitata. Gli ordini professionali devono assolutamente intervenire aprendo procedimenti disciplinari”, aggiunge Carlo Palermo, segretario nazionale dell’associazione medici dirigenti Anaao Assomed.

“Che ci fosse una fetta della professione non ben predisposta nei confronti della vaccinazione lo si sapeva – aggiunge -. C’è da dire che la nostra posizione, come Anaao, è sempre stata molto critica rispetto a queste frange. Tant’è che non abbiamo opposto alcuna resistenza nel momento in cui il Governo ha deciso l’obbligo per la vaccinazione per i medici”.  

Ultime Notizie

metà degli italiani teme di restare senza acqua

Emergenza idrica. Quasi la metà degli italiani (46%) teme di restare senza acqua. È quanto...

Formula 1, Gp Inghilterra, domenica 3 luglio, ore 16, dove in tv

Formula 1, Gp d’Inghilterra, domenica thrilling a Silvertone (ore 16).  Ferrari contro tutti. O la va...

Del Vecchio, il testamento: l’impero diviso per otto parti uguali. C’è anche Rocco Basilico

E’ ripartito in parti uguali tra la moglie e i figli, l’assetto societario della Delfin, la cassaforte della famiglia Del Vecchio. Lo rende popolare la stessa Delfin, a seguito dell’apertura delle disposizioni nel testamento di Leonardo Del Vecchio, distrutto lo passato 27 giugno. Sia la moglie, Nicoletta Zampillo Del Vecchio, che i figli, compreso Rocco […]

Vicenza, muore per mountaper bike: non si accorge del filo spperato, vola nel dirupo per 4 metri

Un 63enne di Bassano del Grappa, in provincia di Vicenza, è morto in seguito ad una violenta caduta con la sua mountain bike. L’incidente è avvenuto lungo una strada silvestre della Valmaron, nella zona dell’Altopiano di Asiago. Muore in mountain bike: sbalzato per diversi metri dietro schianto su filato spinato L’uomo era in passeggiata insieme […]

Covid, il bollettino di al giorno d’oggi 2 luglio: 84.700 nuovi casi, 63 morti, in aumento ricoveri e terapie intensive

Sono 84.700 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati di al giorno d'oggi 2 luglio del bollettino del governo della salve. Ieri erano stati 86.334. Le vittime sono invece 63, in calo rispetto alle 72 di ieri. Bollettino al giorno d'oggi, tasso di positività al 26% Sono stati eseguiti in tutto, tra antigenici […]

Tour de France ribaltati nella seconda tappa in Danimarca: alloro aJacobsen, Van Aert è la nuova maglia gialla

Ribaltone al Tour de France. L’olandese Fabio Jacobsen, 26 anni, freccia del team Quick Step, ha vinto la seunitamenteda pausa danese del Tour de France unitamente una volata potente, coraggiosa, unitamentevulsa, tattica. A 300 metri dal traguardo era in settima positura. Improvvisamente si è spalancato un corridoio l’ha infilato rifilando una mostruoso gomitata a Sagan. […]

Devi leggere

Potrebbe piacerti ancheIMPARENTATO
Consigliato a te