TecnologiaLo spazio 60 anni dopo Gagarin. Le celebrazioni e...

Lo spazio 60 anni dopo Gagarin. Le celebrazioni e il ricordo

-

Rome
cielo sereno
22.7 ° C
23.9 °
21.6 °
95 %
1.5kmh
0 %
Dom
33 °
Lun
35 °
Mar
34 °
Mer
36 °
Gio
31 °

Magellano dell’Universo”. “Colombo dello spazio”. Con soprannomi così è ovvio che a lui siano dedicate, il 12 aprile, la Giornata della Cosmonautica o la rampa di lancio, in Kazakistan, dalla quale sono volati verso le stelle anche Samantha Cristoforetti, Paolo Nespoli e Luca Parmitano. Perché lui, Jurij Gagarin, dalla rampa che oggi porta il suo nome, il 12 aprile di sessant’anni fa divenne il primo a superare l’atmosfera per orbitare attorno alla Terra, il primo cosmonauta a dimostrare quanto fosse vero il motto del “padre dei voli spaziali”, Kostantin Ciolkovskij: “La Terra è la culla dell’umanità, ma non si può vivere per sempre in una culla”.

Le celebrazioni

Ugualmente poca sorpresa destano le opere celebrative, dalle statue – la più bella a Mosca, nella piazza intitolatagli – ai musei, compreso il suo alloggio al cosmodromo, lasciato come allora e visitabile, fino a film come “Gagarin. Primo nello spazio” diretto da Pavel Parkhomenko nel 2013, un’elegia più che un racconto biografico. A sorprendere, invece, cioè a dimostrare quanto l’Eroe nazionale dell’Unione Sovietica le sia sopravvissuto fino a diventare patrimonio dell’umanità intera, è la quantità di fumetti, serie tv e pure videogiochi con Jurij Gagarin dentro. Sono tutte prove di quanto, decenni dopo il suo unico volo orbitale, il Magellano cosmico rimanga “il più grande eroe della storia”, per dirla con il biografo Lev Danilkin, o almeno l’unica risposta sovietica “all’altezza di Neil Armstrong e Luke Skywalker”.Che Danilkin evochi il cavaliere jedi di “Guerre stellari” è significativo. Perché questo è stato il primo cosmonauta: una figura mitica, di cui nessuna etichetta potrebbe tradurre “la marea di ammirazione” che la travolse dopo il ritorno dallo spazio.

Loading…

12 aprile 1961

.Che quel 12 aprile del 1961 Gagarin sia decollato tenente e atterrato eroe, non lo ha dimostrato solo l’onorificenza massima, Eroe dell’Urss appunto, tributata pochi giorni dopo da Nikita Krusciov in persona. Lo testimoniano, oggi, l’immaginario che il suo nome evoca e il numero crescente di segni impressi nella cultura popolare. Infatti, sebbene tutti i suoi record vennero spazzati via in poche settimane, Gagarin divenne «l’angelo che ha permesso all’umanità di vivere un momento fantastico, in cui tutti all’improvviso si sono messi a pensare non ai soldi, al sesso o alla carriera, ma alle stelle come possibile paradiso».Detto altrimenti, da sessant’anni Gagarin è un simbolo, la personificazione del sogno di spingersi oltre i propri confini dell’umanità. Le conferme abbondano: gli omaggi “istituzionali” affiancano poster e magliette con la celebre esclamazione della partenza, “Poyekhali” (andiamo). I fumetti sfoggiano un approccio biografico, come l’inglese “Yuri’s Day: the Road to the Stars”, di Andrew King, Pears Bizony e Peter Hodkinson, o riflessioni più profonde, come nell’italiano “Da quassù la Terra è bellissima” di Toni Bruno.

Cinema e tv

C’è anche un film, “Hotel Gagarin” di Simone Spada, che titolo a parte non ha niente a che vedere con il cosmonauta, ennesimo indizio di quanto il suo nome abbia inciso la fantasia. Così, a cercarlo, Gagarin è anche là dove non ti aspetti: è l’emblema dell’eccellenza nemica nella serie “The Right Sfuff – Uomini veri”, su Disney+, il fedele racconto, tratto dal libro “La stoffa giusta” di Tom Wolfe, dei primordi dell’avventura statunitense oltre il cosmo. È invisibile, solo evocato ma altrettanto potente, nella pur distopica “For All Mankind”, la serie prodotta da Apple tv che immagina come sarebbe il mondo se a sbarcare sulla Luna fosse stata, per prima, l’Unione Sovietica.

I videogiochi

È del tutto inaspettato, ma per questo anche più significativo, dentro l’universo digitale di “Elite: Dangerous”, uno dei più avvincenti simulatori spaziali disponibili su Pc e console di gioco, in cui è possibile attraccare al “Gagarin Gate” per fare il pieno di risorse e nuovi obbiettivi. Nello spazio riprodotto dall’architettura procedurale di “Elite” non è peraltro raro trovare personaggi non giocanti o addirittura giocatori veri i cui “gamer tag” evocano il primo cosmonauta o l’eredità del programma spaziale sovietico, fra una “Station Tsiolkovsky Ring” e la “Station Korolev”, dal nome dell’altrettanto leggendario Capo Progettista delle attività extraterrestri dell’Urss.Anche più significativo è che, nel 2016, il primo cosmonauta fosse uno dei personaggi da “cacciare” con una app in realtà aumentata, sulla falsa riga di “Pokémon Go”, usata dal sito Discover Moscow per incentivare il turismo.

Ultime Notizie

Dopo il buferone scatenato dal Trio Tempesta” del M5S resta ben poco

Il buferone scatenato dal “Trio Tempesta” in settimana – al netto delle inevitabili conseguenze politiche...

metà degli italiani teme di restare senza acqua

Emergenza idrica. Quasi la metà degli italiani (46%) teme di restare senza acqua. È quanto...

Formula 1, Gp Inghilterra, domenica 3 luglio, ore 16, dove in tv

Formula 1, Gp d’Inghilterra, domenica thrilling a Silvertone (ore 16).  Ferrari contro tutti. O la va...

Del Vecchio, il testamento: l’impero diviso per otto parti uguali. C’è anche Rocco Basilico

E’ ripartito in parti uguali tra la moglie e i figli, l’assetto societario della Delfin, la cassaforte della famiglia Del Vecchio. Lo rende popolare la stessa Delfin, a seguito dell’apertura delle disposizioni nel testamento di Leonardo Del Vecchio, distrutto lo passato 27 giugno. Sia la moglie, Nicoletta Zampillo Del Vecchio, che i figli, compreso Rocco […]

Vicenza, muore per mountaper bike: non si accorge del filo spperato, vola nel dirupo per 4 metri

Un 63enne di Bassano del Grappa, in provincia di Vicenza, è morto in seguito ad una violenta caduta con la sua mountain bike. L’incidente è avvenuto lungo una strada silvestre della Valmaron, nella zona dell’Altopiano di Asiago. Muore in mountain bike: sbalzato per diversi metri dietro schianto su filato spinato L’uomo era in passeggiata insieme […]

Covid, il bollettino di al giorno d’oggi 2 luglio: 84.700 nuovi casi, 63 morti, in aumento ricoveri e terapie intensive

Sono 84.700 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati di al giorno d'oggi 2 luglio del bollettino del governo della salve. Ieri erano stati 86.334. Le vittime sono invece 63, in calo rispetto alle 72 di ieri. Bollettino al giorno d'oggi, tasso di positività al 26% Sono stati eseguiti in tutto, tra antigenici […]

Devi leggere

numeri e simboli vincenti di oggi

Lotto e Simbolotto, estrazione di...

24.883 nuovi casi e 81 morti, positività 11,5% ma con 217mila tamponi

Coronavirus in Italia, il bollettino...

Potrebbe piacerti ancheIMPARENTATO
Consigliato a te