BikeLa sicurezza a due ruote: app e sistemi hi-tech...

La sicurezza a due ruote: app e sistemi hi-tech che salvano la vita in bici

-

Rome
nubi sparse
31.5 ° C
33.1 °
29.2 °
57 %
2.1kmh
75 %
Sab
34 °
Dom
34 °
Lun
35 °
Mar
36 °
Mer
35 °

Il piccolo e leggero rilevatore si può applicare esternamente su qualsiasi casco, oppure si trova integrato in alcuni modelli di Alpina e Uvex. Diversi per funzioni i sistemi presenti nel casco Kortal di Poc e sui nuovi caschi Dainese da mountain bike Linea 01 e 03 disponibili sul mercato da novembre.

In entrambi integrati nella calotta ci sono due sistemi di sicurezza che possono aiutare i soccorritori. Il primo è il riflettore Recco, già ampiamente diffuso nello sci e nell’alpinismo, che permette di essere localizzati qualora privi di conoscenza e dispersi su grandi aree, utile specialmente quando si è in montagna. Il secondo è il chip TwiceMe, un sensore Nfc che, se scansionato in caso di grave incidente, può aiutare il lavoro del personale medico e dei soccorsi, grazie a una carta d’identità digitale che contiene tutte le informazioni personali e sanitarie del ciclista infortunato, come il gruppo sanguigno ed eventuali allergie a farmaci. Entrambi i sensori hanno bisogno di strumenti per la lettura da parte dei soccorritori, ma potrebbero in futuro diventare uno standard di sicurezza.

Le app per smartphone

Durante le uscite in bici, specie off-road, il telefono può essere un valido alleato in caso di emergenza e alcune app ne sfruttano appieno le potenzialità, a patto però di avere una connessione dati sempre disponibile. L’app GeoResQ è una di queste con un servizio interamente gestito dal Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (Cnsas), promosso e utilizzato anche dal Cai, sviluppata per incrementare la sicurezza delle escursioni e per un rapido inoltro delle richieste d’aiuto in caso di emergenza.

Sono tre le funzioni principali di GeoResQ: “Allarme”, che consente l’invio immediato della richiesta di aiuto e della posizione alla centrale GeoResQ operativa h24, che una volta messosi in contatto con il richiedente aiuto cercherà di verificare la tipologia di incidente e gli scenari possibili per il soccorso inoltrando la richiesta alle autorità competenti.

Oltre a questa funzionalità è disponibile anche quella di “Posizione”, servizio che geolocalizza l’escursionista che può inviare la propria collocazione in qualsiasi momento, corredata di riferimento cartografico.

Ultime Notizie

Indurain: «Il ciclismo di oggi è più stressante ma Pogacar può vincere 6 Tour»

Ascolta la versione audio dell'articoloL'avversario più difficile da affrontare? “Gianni Bugno, fortissimo”. La salita più dura mai percorsa? “L'ho...

84.700 nuovi casi, 63 morti, in aumento ricoveri e terapie intensive

Sono 84.700 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati...

Usa, in Texas entra in vigore la legge che vieta l’aborto e lo punisce col carcere

La corte suprema del Texas ha autorizzato l’entrata in vigore di una legge del 1925...

Covid, aumentano i casi di polmonite con Omicron 5. Pregliasco: Quarta dose fondamentale

Tornano ad aumentare in Italia i casi di polmonite causata dal Covid che richiedono la...

malattie respiratorie, problemi neurologici, cefalea…

Il 24% di bambini e adolescenti che hanno superato la fase acuta del Covid con...

Guerra in Ucraina, testimonianza dal fronte: pensando alla moglie

La guerra in Ucraina, la vita al fronte nella testimonianza raccolta da Antonio Buttazzo. È...

Devi leggere

figure ricercate, requisiti e come fare domanda

MediaWorld assume 100 diplomati e...

numeri e simboli vincenti di oggi

Lotto e Simbolotto, estrazione di...

Potrebbe piacerti ancheIMPARENTATO
Consigliato a te