GeneraleLa Germania punterà sull'idrogeno per diminuire la dipendenza dal...

La Germania punterà sull’idrogeno per diminuire la dipendenza dal gas russo?

-

Rome
nubi sparse
31.5 ° C
33.1 °
29.2 °
57 %
2.1kmh
75 %
Sab
34 °
Dom
34 °
Lun
35 °
Mar
36 °
Mer
35 °

Grazie all’idrogeno, la Germania potrebbe essere in grado di allentare la dipendenza dal gas russo? La guerra in Ucraina ha stravolto la politica energetica della nazione. Secondo quanto riferisce bbc.com, dall’inizio del conflitto ha ridotto la sua dipendenza dal petrolio russo dal 35% al 12% e dal gas russo dal 55% al 35%.

Il ruolo dell’idrogeno

Secondo il thinktank finlandese CREA, nei primi due mesi di guerra la Germania ha pagato quasi 9 miliardi di euro per le importazioni russe di petrolio e gas. Veronika Grimm, docente di economia all’Università di Erlangen-Norimberga e attualmente uno dei tre consulenti tedeschi del governo federale, gli Economic Sages spiega:

“Dobbiamo diversificare e decarbonizzare le nostre fonti di energia più velocemente di quanto inizialmente previsto”. Per raggiungere questo obiettivo, Grimm vuole che la nazione “rafforzi” l’uso dell’idrogeno. L’idrogeno può immagazzinare grandi quantità di energia, sostituire il gas naturale nei processi industriali e alimentare celle a combustibile in camion, treni, navi o aerei che emettono nient’altro che vapore di acqua potabile.

L’entusiasmo di Grimm si sta diffondendo. Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia (IEA), decine di paesi hanno pubblicato strategie nazionali per l’idrogeno, o sono sul punto di farlo.

Nonostante l’interesse, non è ancora chiaro se l’uso su larga scala dell’idrogeno possa essere reso praticabile. Già in precedenza c’è stato questo tipo di entusiasmo: negli anni ’70, dopo due crisi petrolifere, e negli anni ’90, quando sono emerse preoccupazioni per il clima. Ma per entrambi si è esaurito. Oggi è diverso?

I dubbi

Gli scettici avvertono che i rappresentanti dell’industria, che a livello mondiale dominano la maggior parte dei consigli sull’idrogeno, sono spesso prevenuti a favore dell’idrogeno in quanto promette sussidi e mantiene la domanda per le risorse esistenti come oleodotti, petroliere, turbine o caldaie.

I gruppi ambientalisti sono cauti, sottolineano che l’idrogeno non può essere preso come combustibile primario. Ma deve invece essere realizzato, principalmente in due modi, ognuno contrassegnato da un codice colore.

L’idrogeno verde viene prodotto utilizzando l’elettricità da energia rinnovabile per dividere l’acqua in molecole di idrogeno e ossigeno utilizzando un elettrolizzatore.  Ma quelle macchine e l’elettricità per realizzarle sono costose.

Secondo l’IEA, questi costi comportano che, al momento, l’ idrogeno privo di emissioni rappresenti solo lo 0,03% della produzione mondiale. Alcuni paesi hanno già una chiara priorità: alimentare gli elettrolizzatori, la maggior parte delle nazioni soleggiate scommette sull’energia solare, mentre la Francia fa affidamento sull’energia nucleare.

La Cina predilige l’idrogeno grigio a buon mercato da carbone e gas e investe in alternative verdi. Stati Uniti, Canada, Regno Unito, i Paesi Bassi e la Norvegia stanno puntando all’idrogeno blu, iniettando carbonio catturato nei giacimenti di petrolio e gas per lo stoccaggio a lungo termine, o per il cosiddetto recupero avanzato del petrolio che aumenta l’estrazione. In Germania, invece, il quadro è meno chiaro.

Volker Quaschning, docente di sistemi di energia rinnovabile all’Università di scienze applicate di Berlino, critica la strategia dell’idrogeno della Germania: “Il governo Merkel l’ha usata come falsa pista per nascondere i propri fallimenti nella transizione energetica”

. Sostiene che l’energia solare ed eolica avrebbe dovuto essere ampliata più rapidamente per facilitare la futura produzione di idrogeno verde, un passo che il nuovo governo tedesco ha promesso di compiere. Tuttavia, sull’idrogeno i tre partiti nella coalizione di governo, i tre ministeri responsabili e il consiglio dell’idrogeno discutono tutti se concentrarsi sull’idrogeno verde o accettare l’alternativa blu, per colmare temporaneamente il divario nella fornitura limitata. Grimm rappresenta l’opinione maggioritaria nel consiglio dell’idrogeno che favorisce un mix multicolore.

“Accettare l’idrogeno blu aiuterà a creare la fornitura di cui abbiamo bisogno per un’industria emergente. In Germania promuoverà le innovazioni tecnologiche e incoraggerà i potenziali fornitori a investire nella produzione di idrogeno verde”.

Il ministro tedesco Habeck a marzo si è recato in Norvegia per concordare uno studio di fattibilità per la costruzione di un gasdotto per l’idrogeno, si è recato in Qatar per finalizzare una partnership energetica e ha visitato gli Emirati Arabi Uniti per firmare cinque accordi di cooperazione. Le prime consegne dagli Emirati Arabi Uniti dovrebbero arrivare entro la fine dell’anno.

Altri paesi sul radar a idrogeno di Habeck sono Irlanda, Arabia Saudita, Oman, Cile, Namibia e Australia. Sebbene riconosca la necessità di importare idrogeno, Quaschning delude alcune delle speranze di Habeck. “L’importazione di idrogeno dal deserto sarà lenta, inefficiente e costosa”, spiega.

Ogni fase della catena di approvvigionamento consuma parte dell’energia originaria: dissalazione dell’acqua di mare per ottenere acqua dolce come materia prima, elettrolisi, liquefazione per il trasporto marittimo, trasporto tramite autocisterna, trasporto locale tramite gasdotto in Germania e riconversione dell’idrogeno in elettricità.

“Insieme, questi passaggi consumerebbero almeno il 70% dell’elettricità originariamente prodotta nel deserto”, afferma Quaschning. “Se dunque un pannello solare nel deserto produce l’80% in più di elettricità di uno in Germania, le perdite sono talmente grandi che produrre direttamente energia solare nel nostro paese sarebbe due volte più efficace”.

A causa dell’alto costo, l’idrogeno viene spesso definito lo champagne della transizione energetica. Allora, chi berrà i primi sorsi? Su questo, la maggior parte degli osservatori concorda. “È fondamentale assegnare l’idrogeno solo a quelle industrie dove l’elettrificazione diretta non è possibile”, spiega Felix Matthes, esperto di energia presso l’Öko-Institut, un think tank e membro del consiglio tedesco dell’idrogeno. “Dovremmo prima utilizzarlo nella produzione di acciaio, prodotti chimici e vetro”, sostiene l’esperto. E aggiunge che i settori successivi potrebbero essere il trasporto marittimo, il trasporto su camion a lunga distanza, nonché gli aerei per il medio e lungo raggio. Altri usi nelle automobili o nel riscaldamento sono impieghi inefficienti, costosi e poco pratici. Sulla Germania c’è pressione affinché smetta di spendere così tanto per l’energia russa, ma sarà un processo complicato. Molti sperano che faciliti la transizione degli idrogeni e che stavolta il governo mantenga la promessa.

Ultime Notizie

Indurain: «Il ciclismo di oggi è più stressante ma Pogacar può vincere 6 Tour»

Ascolta la versione audio dell'articoloL'avversario più difficile da affrontare? “Gianni Bugno, fortissimo”. La salita più dura mai percorsa? “L'ho...

84.700 nuovi casi, 63 morti, in aumento ricoveri e terapie intensive

Sono 84.700 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati...

Usa, in Texas entra in vigore la legge che vieta l’aborto e lo punisce col carcere

La corte suprema del Texas ha autorizzato l’entrata in vigore di una legge del 1925...

Covid, aumentano i casi di polmonite con Omicron 5. Pregliasco: Quarta dose fondamentale

Tornano ad aumentare in Italia i casi di polmonite causata dal Covid che richiedono la...

malattie respiratorie, problemi neurologici, cefalea…

Il 24% di bambini e adolescenti che hanno superato la fase acuta del Covid con...

Guerra in Ucraina, testimonianza dal fronte: pensando alla moglie

La guerra in Ucraina, la vita al fronte nella testimonianza raccolta da Antonio Buttazzo. È...

Devi leggere

Potrebbe piacerti ancheIMPARENTATO
Consigliato a te