TecnologiaLa fisica italiana che ha permesso di sentire le...

La fisica italiana che ha permesso di sentire le voci dall’origine dell’Universo

-

Rome
cielo sereno
22.7 ° C
23.9 °
21.6 °
95 %
1.5kmh
0 %
Dom
33 °
Lun
35 °
Mar
34 °
Mer
36 °
Gio
31 °

Tre premi prestigiosi in fila in questo 2021, neppure lei se li aspettava. «Ne sono veramente stupita e onorata», dice Alessandra Buonanno, ma evidentemente se li è meritati, eccome, per i vent’anni e più di ricerche ai limiti della vertigine per la mente umana: cosa sono le onde gravitazionali, chi le ha prodotte, cosa ci dicono dell’universo, come posso catturarle.

Siamo in pieno nel campo della ricerca di base, quella che è difficile da fare, difficilissima da spiegare e che non porta brevetti o utilità pratiche, tanto care alla mentalità occidentale, salvo che poi si scopre che “inutili” ricerche servono a sconvolgere il mondo. Pensiamo solo a cosa devono aver pensato i suoi contemporanei nel 1897 della scoperta dell’elettrone, fatta da Joseph Jhon Thomson a Cambridge nel 1897. Senza quella addio elettronica.

Loading…

Ma torniamo ad Alessandra Buonanno. Viene premiata da Infn il 15 febbraio scorso con la medaglia Galilei, importante premio internazionale che si assegna ogni due anni, in agosto poi con la medaglia Dirac, prima italiana ad averla, che viene assegnata da Ictp, l’importante Centro Internazionale di Fisica Teorica di Trieste, e ora il Premio Balzan 2021, assieme a Thibault Damour, per le loro ricerche nel campo della gravitazione, specialmente le onde gravitazionali.

Messaggeri dell’Universo

La Fondazione Internazionale Premio Balzan promuove un premio nel mondo della cultura, delle scienze e, ogni tre anni, per le più meritevoli iniziative umanitarie, di pace e di fratellanza tra i popoli. Assegna quattro premi annuali, due nelle lettere, scienze morali e arti, due nelle scienze e medicina.

Alessandra Buonanno

La particolarità del premio, cospicuo dato che parliamo di 700.000 euro circa, è che chi vince il Balzan è tenuto a destinare metà della somma al finanziamento di progetti di ricerca condotti preferibilmente da giovani, sia umanisti che scienziati. Una staffetta concreta fra chi è arrivato e chi invece parte alla conquista dell’ignoto.

Ultime Notizie

metà degli italiani teme di restare senza acqua

Emergenza idrica. Quasi la metà degli italiani (46%) teme di restare senza acqua. È quanto...

Formula 1, Gp Inghilterra, domenica 3 luglio, ore 16, dove in tv

Formula 1, Gp d’Inghilterra, domenica thrilling a Silvertone (ore 16).  Ferrari contro tutti. O la va...

Del Vecchio, il testamento: l’impero diviso per otto parti uguali. C’è anche Rocco Basilico

E’ ripartito in parti uguali tra la moglie e i figli, l’assetto societario della Delfin, la cassaforte della famiglia Del Vecchio. Lo rende popolare la stessa Delfin, a seguito dell’apertura delle disposizioni nel testamento di Leonardo Del Vecchio, distrutto lo passato 27 giugno. Sia la moglie, Nicoletta Zampillo Del Vecchio, che i figli, compreso Rocco […]

Vicenza, muore per mountaper bike: non si accorge del filo spperato, vola nel dirupo per 4 metri

Un 63enne di Bassano del Grappa, in provincia di Vicenza, è morto in seguito ad una violenta caduta con la sua mountain bike. L’incidente è avvenuto lungo una strada silvestre della Valmaron, nella zona dell’Altopiano di Asiago. Muore in mountain bike: sbalzato per diversi metri dietro schianto su filato spinato L’uomo era in passeggiata insieme […]

Covid, il bollettino di al giorno d’oggi 2 luglio: 84.700 nuovi casi, 63 morti, in aumento ricoveri e terapie intensive

Sono 84.700 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati di al giorno d'oggi 2 luglio del bollettino del governo della salve. Ieri erano stati 86.334. Le vittime sono invece 63, in calo rispetto alle 72 di ieri. Bollettino al giorno d'oggi, tasso di positività al 26% Sono stati eseguiti in tutto, tra antigenici […]

Tour de France ribaltati nella seconda tappa in Danimarca: alloro aJacobsen, Van Aert è la nuova maglia gialla

Ribaltone al Tour de France. L’olandese Fabio Jacobsen, 26 anni, freccia del team Quick Step, ha vinto la seunitamenteda pausa danese del Tour de France unitamente una volata potente, coraggiosa, unitamentevulsa, tattica. A 300 metri dal traguardo era in settima positura. Improvvisamente si è spalancato un corridoio l’ha infilato rifilando una mostruoso gomitata a Sagan. […]

Devi leggere

Potrebbe piacerti ancheIMPARENTATO
Consigliato a te