MotoriLa Ducati MotoE scende in pista a Misano. Per...

La Ducati MotoE scende in pista a Misano. Per il mondiale 2022 tre scuderie italiane

-

Rome
cielo sereno
19.2 ° C
20.2 °
17.4 °
88 %
1.5kmh
0 %
Lun
30 °
Mar
29 °
Mer
32 °
Gio
35 °
Ven
28 °

Ascolta la versione audio dell’articolo

La Ducati MotoE scende in pista al Misano World Circuit Marco Simoncelli. È l’esordio per il prototipo di moto elettrica della casa di Borgo Panigale, che a partire dalla stagione 2023 sarà fornitore unico delle moto per la FIM Enel MotoE World Cup, in sostituzione di un’altra azienda italiana, Energica, la classe elettrica del Campionato del Mondo MotoGP che si disputa dal 2019.

La nuova V21L

Il nome in codice della moto è V21L ed è frutto del lavoro congiunto del team Ducati Corse e dei progettisti dell’R&D Ducati, guidati da Roberto Canè, eMobility Director Ducati. In sella per le prove, Michele Pirro, pilota professionista e collaudatore Ducati dal 2013 che ha testato le caratteristiche tecniche e le potenzialità della prima moto elettrica Ducati. «Stiamo vivendo un momento davvero straordinario – ha dichiarato Roberto Canè, eMobility Director Ducati – e faccio fatica a credere che sia realtà e non ancora un sogno. La prima Ducati elettrica in pista è eccezionale non solo per l’unicità ma anche per il tipo di impresa sfidante sia per gli obiettivi prestazionali che per le tempistiche estremamente ridotte. Proprio per questo il lavoro di tutto il team dedicato al progetto è stato incredibile e il risultato di oggi ci ripaga degli sforzi fatti negli scorsi mesi. Non abbiamo certo finito, anzi, sappiamo che la strada è ancora molto lunga, ma intanto un primo importante ’mattoncino’ l’abbiamo posato».

Peso e autonomia

Le sfide più importanti nello sviluppo di una moto elettrica da competizione, per Ducati rimangono relative alla dimensione, al peso e all’autonomia delle batterie. L’obiettivo è quello di mettere a disposizione di tutti i partecipanti della FIM Enel MotoE World Cup moto elettriche che siano altamente performanti e si caratterizzino per la loro leggerezza. «Provare in circuito il prototipo della MotoE – ha spiegato Michele Pirro – è stata una grande emozione, perché segna l’inizio di un importante capitolo nella storia Ducati. La moto è leggera e ha già un buon bilanciamento. Inoltre la connessione del gas nella prima fase di apertura e l’ergonomia sono davvero molto simili a quelle di una MotoGP. Se non fosse per la silenziosità e per il fatto che in questo test abbiamo deciso di limitare la potenza rilasciata al solo 70% delle prestazioni, avrei potuto pensare benissimo di essere in sella alla mia moto».

In sella dal 2019

La prima stagione della classe elettrica, ufficialmente FIM Enel MotoE World Cup, si è corsa nel 2019, accompagnando la MotoGP in quattro appuntamenti europei, per un totale di sei gare. Il primo vincitore della Coppa del Mondo di moto elettrica è stato l’italiano Matteo Ferrari. In realtà, nelle moto elettriche c’era tanta Italia poichè fin dall’inizio il fornitore unico dei mezzi era un’azienda italiana.Energica è stata scelta da Dorna come costruttore unico della competizione fino al 2022, con la Ego Corsa. Il progetto Energica infatti è stato lanciato nel 2010 a Modena, dal CRP Group, un attore internazionale nel campo delle macchine CNC di avanzata tecnologia e stampa 3D.

Il mondiale 2022

La FIM Enel MotoE World Cup 2022 sarà dunque la quarta stagione della MotoE World Cup per le corse di motociclismo elettrico e scatterà il 30 aprile dal circuito di Jeres in Spagna. Sette gli appuntamenti totali fino alla chiusura proprio a Misano il 4 settembre con il gran premio di San Marino. Mentre al Mugello si correrà il gran premio d’Italia il 28 e 29 maggio. Le gare di MotoE standard prevederanno due sessioni di prove libere e una qualifica il venerdì, e due gare: una il sabato e l’altra la domenica. La E-Pole sarà sostituita da sessioni di qualificazione più tradizionali: Formato sessione di qualificazione: Q1 (10 minuti) – 10 minuti di pausa – Q2 (10 minuti). Tra i piloti in griglia, confermato il vincitore della Coppa 2020 e 2021 Jordi Torres (Pons Racing 40). Lo spagnolo sarà affiancato dal secondo classificato nel 2021 Dominique Aegerter (Dynavolt Intact GP), dal recordman di vittorie di corse Eric Granado (LCR E-Team), dal vincitore della Coppa 2019 Matteo Ferrari (Felo Gresini MotoE), da gara Miquel Pons (LCR E -Team) e Mattia Casadei (Pons Racing 40). Undici i team di cui tre italiani: Felo Gresini MotoE, Pramac Racing e Sic58 Squadra Corse, scuderia fondata da Paolo Simoncelli in onore di suo figlio, Marco Simoncelli.

Ultime Notizie

Operaio morto alla Farnesina, schiacciato laddove recuperava il cellulare sul tetto dell’ascensore

Fabio Palotti, l’manovale trovato morto nel vano di un’ascensore del Ministero degli Esteri alla Farnesina, potrebbe individuo morto per aver tentato di recuperare il telefonino che aveva dimenticato sul tetto di una delle cabine. E’ il possibile scenario ipotizzato dagli inquirenti. manovale morto alla Farnesina, schiacciato dall’ascensore invece recuperava il furgone carcerario invece le indagini sono […]

Corleone, Palermo: ragazzo di 16 anni ruba l’auto del babbo, si schianta e muore con la fidanzatina

Le auto erano la sua grande passione da quando era bambino, tuttavia è morto sabato oscurità vicino Corleone, in provincia di Palermo, in un terribile incidente stradale. Aveva preso la tuttaviacchina del autore di nascosto, senza dirgli nulla. Era uscito con la fidanzatina, da poco tuttaviaggiorenne. E’ morta anche lei. Sul sedile posteriore paio amici […]

Cutignano, trova la fidanzata a letto unitamente un altro e l’accoltella: lei è gravissima

Ha sorpreso la fidanzata a culla insieme un altro umanità e così, in preda alla rabbia, l’ha accoltellata. E’ successo nella notte tra sabato e domenica a Cutignano, in provincia di Pistoia. Seinsiemedo quanto riportato dai giornali locali, l’aggressore, un 40enne di Firenze, è stato fermato dai carabinieri per tentato uccisione. La vittima è stata […]

Quelli dell’Azovstal: cadaveri armi in pugno o passati per le armi o portati fuori Ucraina. Sarà la misura della lite

Quelli della Azovstal, quelli perché sono ancora nelle viscere dell’acciaieria, quelli della Azov, i soldati perché Mosca chiama nazisti, quelli dei marines ucraini, i soldati perché Mosca definisce con spregio “nazionalisti”. Quelli della Azovstal, forse moltissimi, perché al dì 82 della guerra sono ancora lì, ancora combattono. Circondati, bombardati più volte al dì. Questione di […]

Cutignano, trova la fidanzata a letto con un altro e l’accoltella: lei è gravissima

Ha sorpreso la fidanzata a letto con un altro uomo e così, in preda alla...

Donne (e uomini) avvertiti, la dieta non basta, ci vuole esercizio fisico

Donne di successo. Paola Baggiani, nutrizionista – dietologa, socia fondatrice  dell’Associazione italiana Donne Medico, (sezione fiorentina). Nata...

Devi leggere

e rispunta la pista sovietica

Assassinio JFK, Biden rende pubbliche...

Edy Dalla Vecchia, il sorriso della metalmeccanica vince in tutto il mondo

Donne d’impresa: Edy Dalla Vecchia....

Potrebbe piacerti ancheIMPARENTATO
Consigliato a te