GeneraleIta perde il pelo ma non il vizio Alitalia....

Ita perde il pelo ma non il vizio Alitalia. Primo: scioperare

-

Rome
cielo sereno
28.3 ° C
31.3 °
24.2 °
74 %
1.5kmh
0 %
Dom
32 °
Lun
36 °
Mar
36 °
Mer
36 °
Gio
37 °

Ita non deve e non dovrebbe essere Alitalia. Perché Alitalia è fallita, anzi non solo fallita. Alitalia è stata azienda che volava in costante e accettata perdita di denaro pubblico. Per decenni, non per mesi o in qualche anno sfortunato. Alitalia è stata azienda mal guidata da management incapace o rassegnato o complice. Alitalia è stata azienda fabbrica consenso e distributrice di favori e cariche e incarichi per mano politica.

Alitalia è poi fallita per diretta azione dei sindacati che sempre e coerentemente hanno rifiutato ogni idea e azione per farne qualcosa che potesse non essere una tassa ai danni del contribuente italiano. I sindacati del trasporto aereo hanno sempre scomunicato e indicato alla pubblica condanna chiunque e qualsiasi cosa non lasciasse Alitalia così come era: capace di volare al modico costo di una perdita di un milione al giorno. Ecco perché Ita non deve e non dovrebbe essere Alitalia.

Ita e Alitalia: discontinuità aziendale una condizione ovvia e necessaria ma…impossibile

Ita non deve, non dovrebbe essere Alitalia perché altrimenti i nuovi soldi pubblici messi in azienda faranno la fine dei miliardi precedenti: bruciati, mangiati, sprecati. Non deve, non dovrebbe essere Alitalia perché Alitalia è la storia, lunga, di un fallimento non solo aziendale ma anche politico, culturale, sociale. E sindacale. Ma i sindacati sono già alacremente al lavoro per mostrare che la cosiddetta discontinuità aziendale tra Ita e Alitalia è…impossibile. Cgil insieme alle altre sigle ha definito “paradossale” che la nuova azienda non voglia applicare gli stessi contratti che applicava Alitalia. Dunque per i sindacati e “paradossale” che Ita non sia Alitalia. 

Primo: scioperare

E quindi, a mostrare che secondo sindacato Ita può perdere il pelo ma non il vizio Alitalia, ecco la prima mossa: uno sciopero. Uno sciopero prima ancora di volare. Uno sciopero e che sarà mai? Se ne son sempre fatti a mucchi, in Alitalia.

Ultime Notizie

Per Sainz la prima vittoria in carriera a Silverstone, in una domenica pericolosa e movimentata come poche

La sicurezza e i rischi corsiSilverstone ha visto un brutto incidente al via della gara di Formula 1, che...

casi a Londra. Sintomi e come riconoscere la malattia

Tubercolosi, grande paura di un grande ritorno. L’allarme parte da Londra ma Brexit non isola...

Assange non deve essere estradato, a Londra si gioca la democrazia

Assange non è solo, è in gioco la democrazia, avverte Vincenzo Vita in questo articolo...

Farmaco che affama le cellule tumorali forse svolta nella cura del tumore al cervello

Un farmaco che affama le cellule tumorali potrebbe essere, dopo venti anni, la prima svolta...

Polio nel Regno Unito, si temono contagi dalle acque reflue: ignorato il primo focolaio

Nel Regno Unito c’è la preoccupazione che la polio si stia diffondendo in tutto il...

“Il ciclismo di oggi è più stressante ma Pogacar può vincere 6 Tour”

Miguel Indurain, Ambassador Enervit, correrà la sfacchinata delle Dolomiti del 3 luglio insieme ad più in avanti 8milla appassionati di ciclismo, che misureranno le loro forze e le loro ambizioni sui tornanti delle montagne rosa

Devi leggere

Potrebbe piacerti ancheIMPARENTATO
Consigliato a te