giovedì, Agosto 11, 2022
Generaleil danese è magnifico sui Pirenei

il danese è magnifico sui Pirenei

-

Rome
cielo coperto
21.5 ° C
22.4 °
20.9 °
96 %
1.1kmh
100 %
Gio
28 °
Ven
31 °
Sab
30 °
Dom
33 °
Lun
28 °

Il danese Jonas Vingegaard ha vinto in maglia gialla l’ultima tappa pirenaica staccando tutti sulla micidiale salita di Hautacam; una impresa trionfale che resterà tra le leggende del Tour de France. Un esempio di FairPlay, una lezione di sport educativo, specie di questi tempi. Due volte ha aspettato il rivale Pogacar: quando Tadej  è caduto in discesa, accanto a lui; e quando lo sloveno, risalito in sella e ferito, invocava il soccorso della ammiraglia rimasta imbottigliata sul tracciato. Attimi da incorniciare. Pogacar ha concluso secondo a 1’08”.

Tappone, a tre giorni da Parigi

L’ultimo tappone pirenaico, prima della temuta cronometro di sabato, ha chiuso un trittico secondo attese e copione. Da Lourdes (399 m.) a Hautacam (1.520 m.), 143,5 km durissimi, inevitabilmente selettivi. Con tre GPM di prima categoria racchiusi negli ultimi 60 km: Col d’Aubisque (1.709 m.) ,il Col de Spandelles (1.378 m.) e, 33  km più avanti, l’imbocco della mitica salita di Hautacam, (13,6 km), la più dura di giornata. Qui nel 2014 trionfò Vincenzo Nibali in maglia gialla. La selezione vera e propria è iniziata comunque  sul’Aubisque, parte integrante della leggenda del Tour. Una scalata inserita 71 volte nella storia della Grand Boucle. Gli italiani da ricordare? Bartali vi transito’ per primo nel 1938, Coppi nel 1949 e nel 1952, Battistini nel 1960, Vladimiro Panizza (1976), Chiappucci (1993), Alberto Eli (1999).  E da oggi Ciccone. Altrettanto duri gli ultimi due: il Col de Spandelles (10,3 km all8,3% con punte dell’11%) e l’Hautacam (13,6 km al 7,8% cin picchi del 13%).

Froome, Damiano Caruso e Erviti colpiti dal Covid

Alla partenza da Lourdes la notizia di altri tre positivi al virus: il campione keniota (naturalizzato britannico )Chris Froome; il nostro Damiano Caruso (22esimo in classifica generale) e lo spagnolo di Pamplona Imanol Erviti. Tre veterani over 33. Il più vecchio (Erviti) ne ha 38. Per il siciliano Caruso si tratta del primo ritiro in una grande corsa a tappe dopo 15 giri consecutivi portati a termine. Peccato.

FairPlay tra i due duellanti dopo la caduta di Pogacar. Applausi.

Partenza alle 13.37. Ritmo subito pazzesco. Gran caldo. Wout Van Aert ha vinto il traguardo volante di Lauruns ( al km 58) ed è matematicamente la maglia verde del Tour 2022. Giulio Ciccone è passato per primo sull’Aubisque ( al km 76) e ha guadagnato  punti preziosi per la classifica scalatori (maglia a pois).Ai -39 km è iniziato il duello Pogacar-Vingegaard. Scatti, contro scatti,rabbiose accelerazioni . Ai -35 quarto scatto di Pogacar con un rapportone (53×27). Vingegaard resta a ruota, Che spettacolo! Folla in delirio. Ai -27 colpo di scena: Pogacar cade in una curva, si rialza subito, raggiunge la maglia gialla ed il danese gli da la mano e si congratula con lui per il pronto recupero.  Immagine da cineteca, fortemente educativa. FairPlay sottolineato dal pubblico con una esplosione di ammirazione. Ai -15 km tre battistrada (Val Aert, Martinez, Thibaut Pinot) vanno a caccia della vittoria. I “due tenori” inseguono con un ritardo di 2’28”. Ai -7 restano al comando Van Aert e Martinez. Dietro un trio formidabile: Vingegaard, Pogacar, Kuss che “vuole” raggiungerli. E ce la fanno ai -5 km. Mezzo km dopo cede lo sloveno e Vingegaard e Van Aert volano al traguardo. Ai – 3 km allunga il fortissimo danese, è un rullo, un fenomeno. Il pubblico è una bolgia, un Maracana’. Vingegaard taglia il traguardo in solitaria, baci alla folla, alle telecamere. Il Tour è suo. Meritatamente.Pogacar, ferito e visibilmente deluso, arriva sulla linea d’arrivo con un ritardo di 1’04”, Van Aert a 2’

Tour de France, l’ordine di arrivo della 18a tappa

Primo Vingegaard. A seguire Pogacar (+ 1’08”); Van Aert (+2’10”); Thomas. (+ 2’54”), Gaudu (+ 2’58”)Lutsenko (+ 3’09”),  Martinez (3’09”)

La classifica generale: Primo Vingegaard. A seguire Pogacar (+ 3’26”), Gerain Thomas (+ 8’00);Gaudu (+ 11’05”), Quintana (+ 13’25”).

La tappa numero 19

Da Castelnau Magnoac a Cahors di 188,5 km. Frazione sulla carta di recupero dopo il trittico pirenaico e alla vigilia di una cronometro di 40,7 km. Tappa di pianura. Poi ne restano solo due. Gran finale domenica 24 luglio. Ma i giochi saranno già conclusi.

Ultime Notizie

indennizzabili 9 mesi, 10 gioni obbligatorio per il papà

Congedo parentale di maternità e paternità. A partire dal 13 agosto entrano a pieno regime...

Bollettino coronavirus 10 agosto 2022: 31.703 nuovi contagi, 145 morti. Tasso di positività stabile a 15,7%

Sono 31.703 i nuovi casi di coronavirus registrati con Italia nelle ultime 24 ore, secondo il bollettcono di mercoledì 10 agosto 2022. Ieri i contagiati erano stati 43.084. I morti sono 145, con calo riguardo a ai 177 di ieri, con direzione di un totale di 173.571 vittime dall’conizio della pandemia. Con 201.509 tamponi processati, tra antigenici e […]

Ilaria Cucchi e Aboubakar Soumahoro candidati di Verdi e manca Italiana: la sorella di Stefano e il sindacalista degli ultimi

unitamente Ilaria Cucchi, Aboubakar Soumahoro candidato di Verdi e SI. L’attivista sindacale ‘degli ultimi’ Aboubakar Soumahoro e Ilaria Cucchi, sorella di Stefano che ha unitamentedotto la battaglia per la verità sulla sua morte, saranno candidati unitamente Verdi-SI. unitamente Ilaria Cucchi, Aboubakar Soumahoro candidato di Verdi Lo hanno annunciato il impiegato di mano sinistra Italiana, Nicola Fratoianni […]

Benevento, asportato sarcoma al testicolo di oltre 5 kg: grande come un pallone da calcio

Eccezionale intervento chirurgico all’ospedale Sacro Cuore di Gesù di Benevento ove l’equipe di Urologia ha asportato un tumore al testicolo del pesatura di oltre 5 chili e delle “dimensioni di un pallone da calcio” a un 44enne. “Un caso clinico più unico che raro”, si legge nella conosciuta del presidio ospedaliero con riferimento alla massa […]

Angela Celentano dipartita 26 anni fa: la FOTO di come sarebbe oggi diffusa dalla famiglia

evo il 10 agosto del 1996 quando la piccola Angela Celentano, 3 anni appena, scomparve nel zero mentre faceva un pic nic con i genitori sul Monte Faito a Vico Equense (Napoli). In occasione del 26esimo anniversario di quel drammatico giorno, la famiglia ha esteso una fotografia realizzata dagli esperti dell’associazione Missing Angels Org, con […]

la FOTO di come sarebbe oggi diffusa dalla famiglia

Era il 10 agosto del 1996 quando la piccola Angela Celentano, 3 anni appena, scomparve...

Devi leggere

“Un patto per la natura”, Greenway ed Ecogest lanciano la sfida

Un grido d’allarme sul cambiamento...

18mila su 7,1 milioni (13mila dopo la prima dose)

Positivi dopo vaccino, quanti sono?...

Potrebbe piacerti ancheIMPARENTATO
Consigliato a te