mercoledì, Agosto 17, 2022
GeneraleGuerra in Ucraina, testimonianza dal fronte: pensando alla moglie

Guerra in Ucraina, testimonianza dal fronte: pensando alla moglie

-

Rome
cielo coperto
23.3 ° C
25 °
21.3 °
84 %
2.6kmh
100 %
Mer
31 °
Gio
26 °
Ven
24 °
Sab
30 °
Dom
25 °

La guerra in Ucraina, la vita al fronte nella testimonianza raccolta da Antonio Buttazzo. È il racconto di un giovanotto ventenne di Leopoli, sposato da nemmeno un anno, appena tornato a casa per un avvicendamento.

Yuri è stato 40 giorni al fronte e è tornato da una settimana. Era partito volontario, ma prima di essere inviato in prima linea ha fatto un po’ di addestramento, non aveva fatto neanche il militare di leva, era ed è un meccanico.

La moglie era abbastanza contrariata all’idea che partisse volontario ma poi ha accettato la sua decisione intuendo quanto fosse forte la motivazione che lo spingeva a partire.

Come la maggior parte degli ucraini anche lui era convinto che i russi non avrebbero invaso il Paese.

Esperienza dal fronte della guerra

È stato sempre a Melitopol, ma dice che il suo battaglione è adesso impegnato a Severodonetsk dove avrebbe dovuto trovarsi anche lui se non fosse tornato anzitempo a casa.

Yuri non era mai uscito da Leopoli, se non per andare in viaggio di nozze a Kiev, 4 giorni, l’anno scorso, nel mese di luglio.

Si definisce un “patriota”. Come tutti gli ucraini, aggiunge. In effetti il senso della Patria si percepisce con forza in questo Paese.

Della sua esperienza al fronte, mi ha raccontato del trasferimento notturno verso il fronte, la paura nel percorrere centinaia di chilometri a fari spenti, l’arrivo, le consegne, e soprattutto l’attesa.

Si è portati a pensare che la vita al fronte sia sempre frenetica, ma non è così.

Ore e ore in attesa che qualcuno prenda una decisione per il giovane Yuri, che qualcuno scelga il suo destino.

L’angoscia dell’attesa in guerra

Ore e ore a chiedersi: andrò in prima linea o nelle retrovie? 

Non è la stessa cosa, e questo Yuri lo sa bene.

Chissà da chi e da cosa dipende la decisione che potrebbe porre fine alla sua vita.

I primi giorni è snervante, poi, mi dice, anche a questo si fa l’abitudine.

Poteva stare qualche giorno senza combattere, ma era sicuro che poi sarebbe toccato a lui andare in prima linea, sparare, correre, nascondersi, turarsi le orecchie e buttarsi per terra. Sapendo che una forte esplosione, anche se avvenuta la distanza di centinaia di metri, può squassarti gli organi interni senza che tu sia sfiorato neanche da una scheggia.

E di schegge volare Yuri ne ha viste tante, qualcuna anche atterrare in una gamba o nel petto di qualche suo commilitone, dice con la voce rotta dall’emozione.

Ora che Yuri è tornato a casa, per qualche astrusa norma militare che lo tiene indenne per un po’ di tempo, la moglie spera per sempre, dalle armi.

Resta il fatto che Yuri, poco più che ventenne, è dovuto diventare un uomo nel giro di pochi giorni e alla svelta.

Adesso farai un figlio Yuri? 

È stata la mia ultima domanda.

No, è stata la sua ultima risposta.

Ultime Notizie

Freya, il tricheco del fiordo di Oslo è stato sfiduciato: stressato dai selfie dei turisti era diventato un pericolo

E’ stato abbattuto il tricheco norvegese Freya è stato abbattuto: il grande mammifero marino epoca diventato un’attrazione estiva nel insenatura di Oslo, dove dal 17 luglio intratteneva involontariamente turisti e residenti. Il tricheco, secondo le autorità norvegesi, epoca diventato un pericolo per il pubblico e governo non hanno voluto accorrere rischi. Al pinnipede è stata […]

Meteo 16-18 agosto: caldo africano al Sud e perturbazione atlantica al Nord

Italia ancora divisa in due appresso Ferragosto: mentre a mezzogiorno si prevede una nuova ondata di caldo con il ritorno dell’anticiclone africano, il Nord si prepara all’arrivo di una perturbazione atlantica a partire dal dopo pranzo di mercoledì 17 agosto. Secondo le previsioni del meteorologo Lorenzo Tedici, del sito iLMeteo.it da giovedì 18 al Nord arrivano […]

Elettore ottuso e da far fesso, il detto e accettato quando si dice: è campi elettorale…

Tutte le volte, proprio tutte, che un politico (maggiore, medio, microscopico o ultimo che sia in graduatoria di potere o notorietà) dice, posta, dichiara, pubblicizza, sostiene, lancia un’offesa alla realtà o infligge uno sfregio al plausibile perpetuamente lui/lei stesso/a o chi per loro aggiungono, giustificano, argomentano, assolvono, plaudono con la frase: “è campi elettorale”. Dunque […]

Bimbo alla infisso colpito da un proiettile esploso da guardia giurata: forse sparava ai cartelli stradali

Un proiettile lo ha colpito mentre era esposto alla finestra. Sono gravi le condizioni di un bambino, di appena 2 anni, degente all’ospedale vicario di cristo Giovanni XXIII di Bergamo. Il dramma si è consumato la sera di Ferragosto a Cortefranca, in provincia di Brescia.  Il magro era alla finestra di casa quando è stato raggiunto da […]

la seconda in due mesi, questa volta non sembrano esserci persone coinvolte

Una frana di grosse dimensioni a Cima Uomo in Marmolada si è staccata nel pomeriggio...

Elezioni, acque agitate nel Pd, le Liste dei candidati contestate

Elezioni fra un mese, aAcque agitate nel Pd. Fatte le Liste, cominciano le baruffe (eufemismo)....

Devi leggere

Potrebbe piacerti ancheIMPARENTATO
Consigliato a te