mercoledì, Giugno 29, 2022
MotoriGp Spagna, Leclerc si ritira senza aver sbagliato nulla:...

Gp Spagna, Leclerc si ritira senza aver sbagliato nulla: un regalo a Verstappen che lo sorpassa nel mondiale

-

Rome
cielo coperto
21.4 ° C
22.4 °
20.9 °
97 %
1.5kmh
98 %
Mer
32 °
Gio
31 °
Ven
26 °
Sab
31 °
Dom
35 °

Ascolta la versione audio dell’articolo

Sole, caldo e ghiaia saranno ricordati a lungo per questo gran premio di Spagna 2022 conquistato da Verstappen, al terzo successo consecutivo, e Perez, in sella a due Red Bull sempre più affidabili. Con un brillante terzo posto di Russell: non certo scontato, ma del tutto meritato. Un risultato positivo per il team di Christian Horner che influisce pesantemente sulla situazione mondiale dopo sei gare completate, visto che allunga la mano sulla leadership sia del mondiale piloti sia di quello costruttori, fino a stamattina entrambi ancora in mano di Mattia Binotto.

Affidabilità è stata la parola chiave di questa gara e le temperature tropicali hanno impattato senza appello sull’esito di molti dei protagonisti della stagione. Se infatti la presenza della nostra stella madre è senz’altro piacevole per i partecipanti e per le esigenze televisive, il caldo che ha comportato l’anticiclone iberico oggi, contestualizzato in una pista con asfalto molto abrasivo, ha senza dubbio penalizzato le performance delle auto, visto che il gommista Pirelli è stato costretto a utilizzare le coperture più dure, con una tenuta di strada che non rispecchia certo il massimo potenziale di queste Formula 1.

Di conseguenza, fra surriscaldamento e coperture, si possono circoscrivere i fattori chiave della sofferenza odierna delle vetture: Russell già a un quarto di gara infatti lamentava problemi termici via radio, che rischiavano di influire sul suo risultato. Max Verstappen, già vittima di un errore di guida, ha poi apparentemente avuto guasto al Drs. E in tutto il pomeriggio catalano ogni team ha avuto i suoi allarmi ciclicamente, a carico di diversi sensori. Ciò detto, nonostante questo scenario ostile a uomini e meccanica, considerando inoltre il fattore ‘posizione di partenza’, il risultato finale sembrava poter soddisfare gli italiani senza stupire più di tanto. Sulla pista catalana, infatti, ventotto su trentadue volte aveva vinto una monoposto partita dalla prima fila, di cui ventitre dalla pole. Ma i diversi accadimenti hanno determinato invece un ordine di arrivo che neanche il più bravo dei bookmaker avrebbe potuto prevedere con precisione.

Il ‘grosso’ dei problemi e degli stravolgimenti di classifica è arrivato già nella prima metà del gran premio. La partenza della prova spagnola è stata del tutto neutra per i due piloti di punta ma ha presentato diversi episodi spinosi che hanno pesantemente condizionato alcuni driver. Leclerc ha tenuto botta l’attacco di Verstappen, qualificato secondo dopo una qualifica e da un pre-gara ostacolati da inconvenienti tenici potenzialmente seri. Russell, come dicono gli anglosassoni, ha subito mostrato quanto avesse il fuoco dentro sin dall’inizio: ha guadagnato immediatamente posizioni, a danno soprattutto di Sainz. E poi un episodio dubbio: Hamilton a seguito di un contatto con Magnussen è finito in fondo, e gli è andata anche bene, perchè la Haas è finita nella ghiaia ed è rimasta molto indietro. Durante il gran premio non è arrivata però nessuna sanzione perché il sette volte campione tutto sommato aveva tre quarti di auto all’interno e davanti, quindi si è trattato di un evento discretamente accettabile.

Da lì in poi, nonostante sembrasse potesse delinearsi una gara mediamente prevedibile, è iniziato un filotto di colpo di scena. Già nelle prime fasi, del tutto a sorpresa, Verstappen, dalla seconda posizione, scivolava in quarta posizione mentre inseguiva Leclerc: un errore di guida, stesso punto di Sainz pochi giri prima. Forse una frenata tardiva e la Red Bull è finita nella ghiaia. Ma al di là di altre piccole cose, il fatto più clamoroso purtroppo è a danno di Leclerc. Al giro 26, la sua Power Unit ha smesso di funzionare regolarmente mentre si trovava comodamente in testa alla corsa, fresco di un cambio gomme molto efficiente da soli 2.2 secondi. Aveva saputo restare primo sin dallo start, il gran premio sembrava suo nonostante il piccolo ‘regalo’ di Verstappen con lo svarione in curva. Con il ritiro della rossa, ai diretti inseguitori è tornato presto l’appetito, per cui si è visto riemergere dagli inferi Hamilton, che ha concluso quarto.

Ultime Notizie

arrivano gli artificieri, rallentamenti al traffico

Sospetto pacco bomba all’Agenzia delle Entrate di Pesaro. L’allarme è scattato la mattina di mercoledì...

Superbonus 110%, alt del governo ad una proroga. Ma si strappata sulle cessioni dei crediti d’imposta

Superbonus 110%, il governo dice no a qualsiasi ipotesi di dilazionare l’incentivo: non vi sarebbe infatti la disponibilità a mettere in agro ulteriori risorse. E’ quanto emerso nel corso della riunione tra la maggior parte e l’esecutivo in corso alla Camera. Superbonus 110%: il nodo della cessione del credito d’imposta Vi sarebbe però la disponibilità a […]

Svezia e Finlandia nella Nato, la Turchia ritira il veto dopo il istruzione contro il Pkk

La Turchia ha ritirato il veto verso l’ingresso nella sorto di Svezia e Finlandia. I tre Paesi hanno firmato un promemoria d’intesa. Lo riferisce l’agenzia turca Anadolu.  sorto, sì della Turchia all’ingresso di Svezia e Finlandia La Turchia “ha avuto quello che chiedeva” dai colloqui con Svezia e Finlandia sulla loro adesione alla sorto, ha […]

Nek chi è: età, dove e quando è derivato, vero nome, Patrizia Vacondio, figli, vita privata, incidente, Instagram, carriera

Nek arriva in tv questa sera con “Dalla percorso al palco”. Il nuovo show che pezzo stasera, andrà in onda attraverso 4 puntate su Rai 2 a partire dalle 21,20. Lo show è nato da un’idea originale di Carlo Conti. E’ una forma di inedito “festival” in cui la Rai offre a cantanti, musicisti e […]

Epstein, Ghislaine Maxwell condannata a 20 anni a causa di il giro di minorenni abusate dal finanziere

Ghislacone Maxwell, ex compagna di Jeffrey Epstecon, è stata condannata a 20 anni dopo che una giuria di New York l’ha ritenuta colpevole di aver adescato e trattato mconorenni affconché fossero sessualmente abusate dal fconanziere Epstecon, suicidatosi con cella mentre attendeva un processo a causa di la stessa vicenda. L’accusa aveva chiesto una afflizione tra 30 e […]

stop auto diesel e benzina entro il 2035

L’intesa è arrivata in piena notte: i ministri Ue dell’Ambiente, riuniti a Lussemburgo, hanno trovato...

Devi leggere

Ancona, bimba di 4 anni positiva al Covid muore per molto serio insufficienza respiratoria. Dall’ospedale: “Aveva gravi patologie”

Una frugola di 4 anni, positiva al Covid, ricoverata attraverso una “gravissima insufficienza respiratoria” e affetta da “importanti comorbidità”, è morta al giorno d'oggi, martedì 3 maggio, nel reparto di rianimazione pediatrica dell’ospedale protettivo infantile Salesi di Ancona. Ne da notizia in una nota il direttore della Sod Anestesia e Rianimazione Pediatrica del presidio. La piccola era […]

Giuseppe Pirrotta aveva 44 anni

Un militare della Guardia di...

Potrebbe piacerti ancheIMPARENTATO
Consigliato a te