TecnologiaGli Emirati arabi nell’orbita di Marte, in attesa di...

Gli Emirati arabi nell’orbita di Marte, in attesa di cinesi e americani

-

Rome
cielo sereno
22.7 ° C
23.9 °
21.6 °
95 %
1.5kmh
0 %
Dom
33 °
Lun
35 °
Mar
34 °
Mer
36 °
Gio
31 °

La sonda è anche abilitata a usare la rete globale Nasa di parabole per le trasmissioni con lo spazio interplanetario, Deep Space Network.

È la prima volta che uno Stato entra in questo modo in campo spaziale e gli Emirati lo stanno facendo alla grande, con una operazione che ha permesso di formare, in poco tempo una classe di ingegneri spaziali che hanno lavorato in Usa a questo progetto e alla costruzione fin dall’inizio.

La torre di Burj Khalifa, l’edificio più alto del mondo, illuminato di rosso in occasione della missione Hope su Marte (Afp)

Gli Emirati, che hanno assunto anche parecchi professori stranieri nelle loro Università per lo stesso motivo, formare la prossima classe di ingegneri emiratini, hanno anche messo in campo un’operazione imponente di motivazione dei propri abitanti, specie i giovani, verso lo spazio.

Ieri pomeriggio, in Italia, è andata in onda negli schermi e sulla rete contemporaneamente una normale attesa di una delicata operazione in campo spaziale, come se ne vedono parecchie, assieme a una festa cittadina dal sapore incredibilmente hollywoodiano. Alle consuete facce tese nella sale controllo, dietro ai terminali negli 11 minuti di attesa per capire se la manovra era riuscita, si sono alternate interviste in studi scenografici, video preparati in maniera magistrale, interviste a big stranieri della comunicazione del campo, come Neil de Grasse Tyson, arcinoto divulgatore del Planetario di New York, o il fisico Michio Kaku, in cima ai best seller scientifici da 10 anni coi suoi libri.

Tutti entusiasti, anche se l’apporto originale degli Emirati, Stato che a dicembre compirà i suoi primi 50 anni, alla missione è stato limitato rispetto alla norma. Stupenda la grande torre di Kalifa, il più alto grattacielo del mondo con i suoi quasi 900 metri, usato come schermo cinematografico per il conto alla rovescia e poi per proiezioni sui momenti salienti della missione. Basta seguire i filmati messi su Twitter dal progetto, @HopeMarsMission, per capire lo spirito della giornata.

Ultime Notizie

metà degli italiani teme di restare senza acqua

Emergenza idrica. Quasi la metà degli italiani (46%) teme di restare senza acqua. È quanto...

Formula 1, Gp Inghilterra, domenica 3 luglio, ore 16, dove in tv

Formula 1, Gp d’Inghilterra, domenica thrilling a Silvertone (ore 16).  Ferrari contro tutti. O la va...

Del Vecchio, il testamento: l’impero diviso per otto parti uguali. C’è anche Rocco Basilico

E’ ripartito in parti uguali tra la moglie e i figli, l’assetto societario della Delfin, la cassaforte della famiglia Del Vecchio. Lo rende popolare la stessa Delfin, a seguito dell’apertura delle disposizioni nel testamento di Leonardo Del Vecchio, distrutto lo passato 27 giugno. Sia la moglie, Nicoletta Zampillo Del Vecchio, che i figli, compreso Rocco […]

Vicenza, muore per mountaper bike: non si accorge del filo spperato, vola nel dirupo per 4 metri

Un 63enne di Bassano del Grappa, in provincia di Vicenza, è morto in seguito ad una violenta caduta con la sua mountain bike. L’incidente è avvenuto lungo una strada silvestre della Valmaron, nella zona dell’Altopiano di Asiago. Muore in mountain bike: sbalzato per diversi metri dietro schianto su filato spinato L’uomo era in passeggiata insieme […]

Covid, il bollettino di al giorno d’oggi 2 luglio: 84.700 nuovi casi, 63 morti, in aumento ricoveri e terapie intensive

Sono 84.700 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati di al giorno d'oggi 2 luglio del bollettino del governo della salve. Ieri erano stati 86.334. Le vittime sono invece 63, in calo rispetto alle 72 di ieri. Bollettino al giorno d'oggi, tasso di positività al 26% Sono stati eseguiti in tutto, tra antigenici […]

Tour de France ribaltati nella seconda tappa in Danimarca: alloro aJacobsen, Van Aert è la nuova maglia gialla

Ribaltone al Tour de France. L’olandese Fabio Jacobsen, 26 anni, freccia del team Quick Step, ha vinto la seunitamenteda pausa danese del Tour de France unitamente una volata potente, coraggiosa, unitamentevulsa, tattica. A 300 metri dal traguardo era in settima positura. Improvvisamente si è spalancato un corridoio l’ha infilato rifilando una mostruoso gomitata a Sagan. […]

Devi leggere

Potrebbe piacerti ancheIMPARENTATO
Consigliato a te