BikeGiro d’Italia, nel tappone del Mortirolo vince il ceco...

Giro d’Italia, nel tappone del Mortirolo vince il ceco Jan Hirt ma i big deludono

-

Rome
nubi sparse
31.5 ° C
33.1 °
29.2 °
57 %
2.1kmh
75 %
Sab
34 °
Dom
34 °
Lun
35 °
Mar
36 °
Mer
35 °

Ascolta la versione audio dell’articolo

La Grande Montagna (Mortirolo e Valico di Santa Cristina) alla fine partorisce un topolino. Un topolino simpatico, ma proprio piccolo. Basti dire che il gruppetto dei big, che arriva quasi un minuto e mezzo dopo il vincitore di tappa (il ceco Joan Hirt), pur di non cedere nulla, ma proprio nulla, al traguardo dell’Aprica lotta per il terzo posto come se fosse il premio della vita.
Uno sprint surreale per il Gotha della classifica perchè in palio ci sono solo quattro secondi d’abbuono. Una robetta, di solito. Ma in questo Giro così aperto e imprevedibile anche i granelli di sabbia fanno la differenza.

Carapaz sempre in rosa

Alla fine, nello sprint dei capataz, la spunta l’inglese Jai Hindley precedendo d’un soffio Richard Carapaz, che conserva la maglia rosa per tre secondi. L’ecuadoriano ce l’ha fatta, ma che fatica! Al traguardo ha la faccia scura. Molto scura. Sa d’aver rischiato molto. «Sì è stata durissima. L’importante però era conservare la maglia rosa. Siamo tutti al limite. Comunque può ancora succedere di tutto».

In effetti, tutto è ancora possibile. Già dalla prossima tappa (questo mercoledì) che da Ponte di Legno va a Lavarone con il gran finale del Menador (8 km al 10%). In un fazzoletto di un minuto ci sono tutti i favoriti. Dietro a Carapaz c’è proprio Hindley, a tre secondi. Poi il portoghese Almeida, che pur non essendo uno scalatore, non si sa come, alla fine, riesce sempre a resistere. Ora è a 44 secondi, ma questa formichina ha un vantaggio non banale: la cronometro finale di Verona. Almeida è infatti uno specialista. E anche su un percorso di soli 17 chilometri come quello dell’ultima frazione può dare la zampata vincente.

Il quarto, non meno pericoloso, è Mikel Landa, 32 anni, il basco della Bahrain che ha attaccato per tutta la tappa. Landa, oltre a disporre di una squadra ben attrezzata, è anche un vecchio volpone. È una vita che corre. Sa che questa volta può farcela. Il Giro è sempre stato il suo sogno. E farà di tutto per non farselo sfuggire.

Nibali e Pozzovivo appena dietro i big

Questo è il gruppo dei big. Subito dietro – anche loro non mollano – ci sono i nostri vecchietti: Vincenzo Nibali e Domenico Pozzovivo. Nibali ora è quinto con un distacco di quasi tre minuti e mezzo. Nel finale ha un po’ ceduto, però ora è quinto. È tra i migliori, insomma. Ma non è contento: «Ho faticato nell’ultima salita, dopo ho cerato di gestire la situazione». Quanto a Pozzovivo, 40 anni a novembre, purtroppo è stato vittima di una nuova caduta. Ma il piccolo grande uomo lucano non ha battuto ciglio. Si è rialzato e, cigolando, ha ripreso sua marcia. Una marcia, lo ricordiamo, di 202 chilometri con un dislivello di 5250 metri.

Ultime Notizie

84.700 nuovi casi, 63 morti, in aumento ricoveri e terapie intensive

Sono 84.700 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati...

Usa, in Texas entra in vigore la legge che vieta l’aborto e lo punisce col carcere

La corte suprema del Texas ha autorizzato l’entrata in vigore di una legge del 1925...

Covid, aumentano i casi di polmonite con Omicron 5. Pregliasco: Quarta dose fondamentale

Tornano ad aumentare in Italia i casi di polmonite causata dal Covid che richiedono la...

malattie respiratorie, problemi neurologici, cefalea…

Il 24% di bambini e adolescenti che hanno superato la fase acuta del Covid con...

Guerra in Ucraina, testimonianza dal fronte: pensando alla moglie

La guerra in Ucraina, la vita al fronte nella testimonianza raccolta da Antonio Buttazzo. È...

Spazzatura spaziale: 190 milioni di oggetti volanti minacciano i satelliti (e i loro servizi)

Può andare da Londra a Mosca in 10 minuti, volando a 500 chilometri da Terra, può pesare anche meno...

Devi leggere

Potrebbe piacerti ancheIMPARENTATO
Consigliato a te