giovedì, Giugno 30, 2022
BikeGiro, anche in tappa dimezzata Bernal stacca tutti. Caruso...

Giro, anche in tappa dimezzata Bernal stacca tutti. Caruso secondo in classifica

-

Rome
nubi sparse
29.3 ° C
31.3 °
28 °
63 %
2.6kmh
40 %
Gio
32 °
Ven
32 °
Sab
34 °
Dom
35 °
Lun
36 °

Eccolo qua, il Signore del Giro, il padrone assoluto della corsa. Si chiama Egan Bernal, è colombiano, ha 24 anni e quando la strada s’impenna non c’è niente da fare: è il più forte. Il più determinato. Il migliore, insomma. E lo ha dimostrato anche in questa dimezzata tappa dolomitica che, a causa del maltempo, si è trasformata in frazione corta e intensa con la cancellazione del Passo Fedaia e del Pordoi considerati a rischio soprattutto in discesa. In pratica al posto del cosiddetto tappone è andato in scena un «tappino» abbreviato di circa 60 chilometri rispetto al percorso originale di 212 chilometri da Sacile a Cortina d’Ampezzo.

Lo scatto sul Passo Giau

Bernal, anche con la tappa light, ha fatto quello che fa di solito: ha salutato la poco allegra compagnia e se n’è andato per i fatti suoi. Nel tratto più aspro, cioè sulle rampe del Passo Giau (nuova cima Coppi con i suoi 2233 metri dopo la cancellazione del Pordoi) il colombiano è scattato lasciando indietro i migliori che hanno risposto in ordine sparso. Un ritmo micidiale, quello della maglia rosa, che in pochi chilometri ha dato un nuovo scrollone alla classifica. Le vittime più illustri, a parte il belga Evenepoel, che sprofonda per una nuova crisi, sono il britannico Yates e il russo Vlasov arrivati al traguardo con più di due minuti di distacco. Si difendono bene invece Damiano Caruso (terzo al traguardo e secondo in classifica generale) ) e il francese Bardet (secondo traguardo) perdendo circa una trentina di secondi. Anche Giulio Ciccone, quarto, limita i danni con un ritardo di un minuto e venti.

Loading…

Lo «spettacolo» di Cortina

Lo spettacolo migliore lo offre comunque Bernal quando, dopo la picchiata, piomba a Cortina d’Ampezzo. A circa 50 metri, fradicio per la pioggia, si toglie la mantellina per mostrare urbi et orbi la maglia rosa. Con spericolati equilibrismi, nel tripudio dei tifosi colombiani, Bernal taglia il traguardo felice come se avesse vinto la lotteria. «Volevo fare spettacolo. Il freddo e le difficoltà mi esaltano. Che emozione! Questo è il ciclismo che mi piace. Alla partenza ero pronto a tutto e dico la verità avrei preferito correre la tappa originale. Ma pazienza… L’importante è onorare la maglia rosa. E credo di esserci riuscito».

Duro colpo alla concorrenza

In effetti, quello di Bernal, è stato un altro pesante colpo assestato alla concorrenza. Non siamo ancora alla dittatura, ma è evidente che la sua leadership si consolida di giorno in giorno. Soprattutto in queste tappe dove si può fare selezione. È legittima un’altra considerazione: senza tagli al percorso, Bernal probabilmente avrebbe inflitto ai suoi (presunti) rivali una lezione ancora più pesante chiudendo definitivamente il Giro. Che già così non lascia molte speranze. In classifica, secondo dietro la maglia rosa, c’è ora Damiano Caruso con un ritardo di circa due minuti e mezzo. l’inglese Carthy è terzo (+3’40”). Il russo Vlasov resta al quarto posto (+4’18”) mentre Simon Yates è quinto (+4’20”) davanti Giulio Ciccone, sesto con 4 minuti e mezzo di ritardo. Insomma, al momento non si vede un avversario in grado di impensierire Bernal, più attento a evitare colpi della strega (soffre di mal di schiena) che eventuali colpi dei suoi rivali.

Tagliare o non tagliare la tappa?

Dopo la corsa si è scatenato il solito dibattito sul fatto se sia stato giusto o meno tagliare due salite così importanti come il Fedaia e il Pordoi. L’organizzatore del Giro, Mauro Vegni, ha precisato che non potendo prevedere esattamente quali sarebbero state le previsioni meteo in quota si è preferito accorciare il percorso di comune accordo con le squadre. Poi però, come sempre succede quando le cose non precipitano (non ci sono state cioè condizioni estreme) sono cominciati i primi pentimenti. Vegni, mostrando quasi rammarico per la decisione, ha fatto capire che spesso che tra quello che dicono le squadre e quello che pensano i corridori c’è una certa differenza. E che alla fine, insomma, per evitare guai peggiori si è deciso di non correre rischi. «Il nostro obiettivo principale è portare in sicurezza i corridori a Milano. Per questo abbiamo pensato fosse meglio averne una tappa più corta e spettacolare , evitando due discese pericolose. Ognuno ha dovuto rinunciare a qualcosa per arrivare a una decisione comune e condivisa». Discussioni di lana caprina che avvengono a babbo morto, quando ormai è andato tutto bene. La tappa è stata bella ed emozionante. E anche significativa dal punto di vista della classifica. Non ci sono state scene da tregenda cui in passato il ciclismo ci ha abituati. Di eroi ne abbiamo avuti abbastanza. Una volta tanto è meglio così.

Ultime Notizie

i suoi effetti forse non sono ancora finiti

L’eruzione del vulcano sottomarino Tonga nell’Oceano Pacifico, avvenuta il 15 gennaio 2022, si conferma tra...

Tour de France al via, riflettori su Ganna. Ma l’uomo da battere è sempre Pogacar

Ascolta la versione audio dell'articoloTocchiamo ferro e incrociamo le dita. Sia per il Covid che pende come una spada...

Il rapper R. Kelly condannato a 30 anni per abusi su donne e adescamento di minori

Il cantante R. Kelly è stato condannato da una giuria di New York a 30...

Bruce Springsteen a Ferrara nel 2023, hotel 3 Stelle a 1500 euro quella tarda serata (ma prima e dopo a 220 euro)

Bruce Springsteen a Ferrara nel 2023, hotel 3 Stelle a 1500 euro. C’è chi si porta precedente di quasi un anno unitamente la speculazione. Occasione imperdibile: il unitamentecerto di Bruce Springsteen a Ferrara predisposto il 18 maggio 2023. Bruce Springsteen a Ferrara nel 2023, hotel 3 Stelle a 1500 euro Il tour del Boss accende […]

Covid, nel incarico privato mascherine FFP2, controllo temperatura e smart working: la bozza di aggiornamento

Covid, per fuori della crescita dei contagi, nel lavoro espropriato dovrebbe restare l’uso della mascherine. Lo indica una bozza di aggiornamento delle misure di contrasto al virus sul lavoro dei privati che il comando condividerà con le parti sociali. Covid, nel lavoro espropriato mascherine FFP2, controllo temperatura e smart working Nel testo è previsto l’uso […]

Airbnb ferma la festa: vietati definitivamente i party nelle case in affitto

Finita la festa su Airbnb: lo stop ai party in stabile, introdotto durante la pandemia per schivare assembramenti e contagi, è ora diventato definitivo. Il omone degli affitti lo ha annunciato spiegando che il restrizione ha portato una serie di benefici collaterali per i proprietari di stabile e per la reputazione del sito, tali da […]

Devi leggere

Potrebbe piacerti ancheIMPARENTATO
Consigliato a te