giovedì, Giugno 30, 2022
Generalefu l'unico condannato per il Rogo di Primavalle in...

fu l’unico condannato per il Rogo di Primavalle in cui morirono i fratelli Mattei

-

Rome
nubi sparse
29.3 ° C
31.3 °
28 °
63 %
2.6kmh
40 %
Gio
32 °
Ven
32 °
Sab
34 °
Dom
35 °
Lun
36 °

E’ morto all’età di 70 anni Achille Lollo, unico condannato per il Rogo di Primavalle, avvenuto la notte tra il 15 e il 16 aprile 1973 in cui morirono i figli di Mario Mattei, segretario della sezione del Movimento Sociale Italiano del quartiere romano. 

Quella notte del 1973 fu versato del liquido infiammabile sul pianerottolo davanti all’appartamento di Mattei, divampò un incendio che distrusse rapidamente l’abitazione. Mentre gli altri familiari riuscirono a salvarsi, due dei figli di Mattei – Virgilio di 22 anni e Stefano di 8 – morirono carbonizzati.

Per questa vicenda fu condannato, in via definitiva, a 18 anni di carcere Achille Lollo, , morto ieri a 70 anni nell’ospedale di Bracciano dove si trovava ricoverato. 

Rogo di Primavalle, Achille Lollo e gli altri 

Lollo, ex militante di Potere Operaio partecipò all’azione assieme a due altri militanti, Manlio Grillo e Marino Clavo. Dei tre, solo Lollo ha scontato alcuni anni in carcere. Grillo fuggì in Nicaragua e di Clavo si persero le tracce.

Per i tre l’estinzione della pena, prescritta attraverso un complesso meccanismo di calcolo, arrivò il 12 ottobre 2003. Nel 2005 il fascicolo venne riaperto dopo che in un’intervista Lollo riferì che all’attentato parteciparono altre tre persone, che vennero indagate per strage, ma la loro posizione fu archiviata l’anno successivo.

L’ex militante di Potere Operaio venne convocato a piazzale Clodio nel gennaio del 2011, dopo essere rientrato in Italia dal Brasile dove ha vissuto per molti anni, per essere ascoltato dall’allora sostituto procuratore capitolino Luca Tescaroli. Lollo, accompagnato dal suo difensore, si avvalse della facoltà di non rispondere.

Rogo di Primavalle, chi erano gli altri 3

L’interesse degli inquirenti a sentirlo era legato a quell’intervista in cui chiamava in causa, per la morte dei fratelli Mattei, altre tre persone: Elisabetta Lecco, Diana Perrone e Paolo Gaeta. Circostanza tuttavia smentita da Manlio Grillo.

Vista l’impossibilità ad approfondire i temi di quella intervista, la Procura ottenne l’archiviazione del fascicolo processuale soprattutto in virtù della scadenza dei termini (due anni) per lo svolgimento degli accertamenti nei confronti dei tre indagati, citati da Lollo.

Contemporaneamente gli inquirenti aprirono un nuovo fascicolo per proseguire le indagini nei confronti di Perrone, Lecco e Gaeta. Il nome di Lollo è tornato al centro del dibattito politico nel 2016 quando venne fuori la notizia della sua collaborazione con un blog vicino al M5S. Con le proteste di esponenti del centrodestra. 

Ultime Notizie

Amadeus positivo al Covid, a casa ascolta brani in vista della selezione per il Festival di Sanremo

C’è anche Amadeus tra i tanti italiani risultati positivi al Covid in questi giorni. Il...

i suoi effetti forse non sono ancora finiti

L’eruzione del vulcano sottomarino Tonga nell’Oceano Pacifico, avvenuta il 15 gennaio 2022, si conferma tra...

Tour de France al via, riflettori su Ganna. Ma l’uomo da battere è sempre Pogacar

Ascolta la versione audio dell'articoloTocchiamo ferro e incrociamo le dita. Sia per il Covid che pende come una spada...

Il rapper R. Kelly condannato a 30 anni per abusi su donne e adescamento di minori

Il cantante R. Kelly è stato condannato da una giuria di New York a 30...

Bruce Springsteen a Ferrara nel 2023, hotel 3 Stelle a 1500 euro quella tarda serata (ma prima e dopo a 220 euro)

Bruce Springsteen a Ferrara nel 2023, hotel 3 Stelle a 1500 euro. C’è chi si porta precedente di quasi un anno unitamente la speculazione. Occasione imperdibile: il unitamentecerto di Bruce Springsteen a Ferrara predisposto il 18 maggio 2023. Bruce Springsteen a Ferrara nel 2023, hotel 3 Stelle a 1500 euro Il tour del Boss accende […]

Covid, nel incarico privato mascherine FFP2, controllo temperatura e smart working: la bozza di aggiornamento

Covid, per fuori della crescita dei contagi, nel lavoro espropriato dovrebbe restare l’uso della mascherine. Lo indica una bozza di aggiornamento delle misure di contrasto al virus sul lavoro dei privati che il comando condividerà con le parti sociali. Covid, nel lavoro espropriato mascherine FFP2, controllo temperatura e smart working Nel testo è previsto l’uso […]

Devi leggere

Potrebbe piacerti ancheIMPARENTATO
Consigliato a te