MotoriFormula 1: il Gran Premio di Imola seguito da...

Formula 1: il Gran Premio di Imola seguito da 22 milioni di italiani

-

Rome
cielo sereno
28.3 ° C
31.3 °
24.2 °
74 %
1.5kmh
0 %
Dom
32 °
Lun
36 °
Mar
36 °
Mer
36 °
Gio
37 °

Circa 22 milioni italiani hanno seguito attraverso tv, internet, stampa e radio il Gran Premio di Formula 1 di Imola secondo la ricerca condotta da Sponsor Value di StageUp e Ipsos. L’impegno della Regione Emilia Romagna per il ritorno del massimo campionato automobilistico all’Autodromo “Enzo e Dino Ferrari” inoltre è valutato positivamente dal 63% degli emiliano-romagnoli e dal 56% della popolazione italiana. È un vero peccato dunque che i Gran Premi speciali, come Inola, Mugello e Portimao, inseriti da Fia e Liberty Media nel calendario 2020 non siano stati confermati nel calendario del 2021.

Il ritorno a Imola

Il GP di Formula Uno dello scorso 1° novembre vinto da Lewis Hamilton davanti a Bottas e Ricciardo, è stato seguito, in base ai risultati della ricerca Sponsor Value di StageUp e Ipsos da 21,8 milioni di italiani con età compresa tra 14 e 64 anni. Gli interessati hanno utilizzato la tv (91% tra live, highlights e news), internet (30%), stampa (13%) e radio (8%). Il pubblico, sostanzialmente in linea con la distribuzione della popolazione italiana, vede una prevalenza di maschi (56%) di età compresa 35 e 54 anni (49%).L’impegno della Regione Emilia Romagna per riportare a Imola il Gran Premio è stato valutato positivamente dal 63% degli emiliano-romagnoli (38% per le positive ricadute sulla visibilità della Regione e il 25% per l’indotto generato sul territorio), dal 64% degli interessati italiani allo sport (33% + 31%) e dal 56% della popolazione italiana nel suo complesso (29% + 27%).

Loading…

Eventi sportivi in Emilia Romagna

Più generalmente, il 52% dei cittadini emiliano-romagnoli formulano un giudizio positivo sugli sforzi della Regione per ospitare, tra settembre e ottobre 2020, grandi eventi sportivi (che comprendevano tra gli altri GP di Imola, Mondiali di Ciclismo, Giro d’Italia e Final Four di Supercoppa di Basket). «La visione e i conseguenti sforzi del Governo Regionale per far crescere il territorio attraverso la leva dello sport e, in particolare, la volontà di riportare la Formula Uno a Imola – sottolinea Giovanni Palazzi, -amministratore Delegato di StageUp e ChainOn – è stato compreso e apprezzato dalla maggioranza degli emiliano-romagnoli. L’apprezzamento anche degli italiani nel loro complesso per l’operato del Presidente Stefano Bonaccini e della sua Giunta per il ritorno del Gran Premio testimonia un vissuto dell’evento come parte della cultura nazional-popolare del Paese. Un risultato importante, a cui va aggiunta la ricaduta sul brand Emilia Romagna derivante dalla veicolazione televisiva globale di un Campionato che raggiunge 112 paesi al Mondo, con un’audience cumulata che, nel 2019, ha raggiunto ben 471 milioni di persone».

Ultime Notizie

Per Sainz la prima vittoria in carriera a Silverstone, in una domenica pericolosa e movimentata come poche

La sicurezza e i rischi corsiSilverstone ha visto un brutto incidente al via della gara di Formula 1, che...

casi a Londra. Sintomi e come riconoscere la malattia

Tubercolosi, grande paura di un grande ritorno. L’allarme parte da Londra ma Brexit non isola...

Assange non deve essere estradato, a Londra si gioca la democrazia

Assange non è solo, è in gioco la democrazia, avverte Vincenzo Vita in questo articolo...

Susanna Rinaldi – counselor e fondatrice del centro olistico Siena

­­­­­Donne d’impresa: Susanna Rinaldi – counselor e fondatrice del centro olistico Siena, imprenditrice figlia di...

Farmaco che affama le cellule tumorali forse svolta nella cura del tumore al cervello

Un farmaco che affama le cellule tumorali potrebbe essere, dopo venti anni, la prima svolta...

Polio nel Regno Unito, si temono contagi dalle acque reflue: ignorato il primo focolaio

Nel Regno Unito c’è la preoccupazione che la polio si stia diffondendo in tutto il...

Devi leggere

Potrebbe piacerti ancheIMPARENTATO
Consigliato a te