MotoriF1: Hamilton è sette volte campione, vincendo a sorpresa...

F1: Hamilton è sette volte campione, vincendo a sorpresa anche in Turchia

-

Rome
cielo sereno
23.7 ° C
25 °
22.4 °
91 %
1.5kmh
0 %
Dom
33 °
Lun
36 °
Mar
34 °
Mer
36 °
Gio
30 °

Scontato, ai limiti del noioso, ma forte e imperiale. Freddo e lucido. Solido, fiducioso, affidabile. Vince per la prima volta in carriera in Turchia, pista recuperata quest’anno in emergenza a seguito delle rinunce altrui, davanti a Perez e Vettel. Lewis Hamilton si toglie la soddisfazione di arrivare davanti anche nella gara che lo incorona matematicamente sette volte campione del mondo, raggiungendo Michael Schumacher nella storia di questo sport.

Tutti lo celebrano per questi numeri: non è in discussione il valore umano e sportivo di quest’uomo, che ha saputo allontanare le critiche di chi, come visto già nei “cicli” di successi ripetuti fra i costruttori e i piloti, della Ferrari della Red Bull, provava a sminuire il valore del pilota. Perché con un’auto così superiore, sembrerebbe difficile perdere. Per fortuna sua, smentisce questa tesi il suo compagno di squadra. Il fattore umano non dovrebbe mai mancare: Bottas, anche in alcune occasioni a lui favorevoli, non si è dimostrato altrettanto all’altezza e difficilmente maturerà per diventare un grande campione: basta pensare a cosa si è visto nei 58 giri odierni, dove non ha mancato di incappare in una delle tante “scivolate” del giorno, ed è stato addirittura doppiato.

Loading…

Quindi Hamilton merita tutto ma oggi, forse, se anche non avesse vinto, se fosse stato “meno cannibale”, sarebbe stato meglio per il gruppo, per l’interesse, per l’emozione del pubblico. Ha fatto ancora il primo della classe, lo sa fare bene, ma ha tolto tanto divertimento, emozioni e soddisfazioni ad altri. Però il gioco mediatico prevede i riflettori per chi sale sul podio quindi, potendo farlo, ha scelto la migliore consacrazione possibile, che comunque merita.

Una vittoria inutile

Una vittoria inutile, la matematica gli avrebbe dato ragione comunque. Vincere oggi, in Bahrein o ad Abu Dhabi non avrebbe cambiato nulla sull’esito finale. A Istanbul fa freddo, le regole del Covid-19 non consentono concessioni e ai microfoni il neo campione ha detto che questa sera berrà una zuppa e probabilmente riguarderà la giornata in tv, come un tifoso qualunque o quasi. Gli riesce facile dimostrare che è il migliore e con questa voracità lascia tutti senza parole: d’altra parte non conta che abbia vinto, conta come lo ha fatto. Era in difficoltà all’inizio: partito lento, venendo da una qualifica piuttosto opaca. Però alla fine ha polverizzato la concorrenza, infliggendo un distacco molto pesante al secondo, nonostante all’arrivo al paddock si vedesse a occhio nudo che gli pneumatici erano davvero molto usurati e del tutto “lisciati” al centro.

Una domenica comunque interessante

Le premesse erano diverse, la domenica è stata comunque molto interessante. Dopo aver visto Lance Stroll in pole position e, in generale, una prova degli “altri”, non si sarebbe certo sperato di vedere un’altra vittoria Mercedes. Non bisogna però dimenticare che Lewis vuole dominare le statistiche sotto tutti i punti di vista, quindi non ha mai mollato, ci ha sempre creduto. Piano piano, ha fatto bene il suo lavoro. Ha puntato sulle sue qualità e su una conservazione delle gomme. Ha saputo interpretare i cambiamenti meteo della mattinata, anche se ha rischiato di essere indotto in errore dalle previsioni sbagliate del team: non ha piovuto sul finale e non hanno fatto una scelta sbagliata solo per un soffio. C’è voluta insomma fortuna ed esperienza.

Ultime Notizie

metà degli italiani teme di restare senza acqua

Emergenza idrica. Quasi la metà degli italiani (46%) teme di restare senza acqua. È quanto...

Formula 1, Gp Inghilterra, domenica 3 luglio, ore 16, dove in tv

Formula 1, Gp d’Inghilterra, domenica thrilling a Silvertone (ore 16).  Ferrari contro tutti. O la va...

Del Vecchio, il testamento: l’impero diviso per otto parti uguali. C’è anche Rocco Basilico

E’ ripartito in parti uguali tra la moglie e i figli, l’assetto societario della Delfin, la cassaforte della famiglia Del Vecchio. Lo rende popolare la stessa Delfin, a seguito dell’apertura delle disposizioni nel testamento di Leonardo Del Vecchio, distrutto lo passato 27 giugno. Sia la moglie, Nicoletta Zampillo Del Vecchio, che i figli, compreso Rocco […]

Vicenza, muore per mountaper bike: non si accorge del filo spperato, vola nel dirupo per 4 metri

Un 63enne di Bassano del Grappa, in provincia di Vicenza, è morto in seguito ad una violenta caduta con la sua mountain bike. L’incidente è avvenuto lungo una strada silvestre della Valmaron, nella zona dell’Altopiano di Asiago. Muore in mountain bike: sbalzato per diversi metri dietro schianto su filato spinato L’uomo era in passeggiata insieme […]

Covid, il bollettino di al giorno d’oggi 2 luglio: 84.700 nuovi casi, 63 morti, in aumento ricoveri e terapie intensive

Sono 84.700 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati di al giorno d'oggi 2 luglio del bollettino del governo della salve. Ieri erano stati 86.334. Le vittime sono invece 63, in calo rispetto alle 72 di ieri. Bollettino al giorno d'oggi, tasso di positività al 26% Sono stati eseguiti in tutto, tra antigenici […]

Tour de France ribaltati nella seconda tappa in Danimarca: alloro aJacobsen, Van Aert è la nuova maglia gialla

Ribaltone al Tour de France. L’olandese Fabio Jacobsen, 26 anni, freccia del team Quick Step, ha vinto la seunitamenteda pausa danese del Tour de France unitamente una volata potente, coraggiosa, unitamentevulsa, tattica. A 300 metri dal traguardo era in settima positura. Improvvisamente si è spalancato un corridoio l’ha infilato rifilando una mostruoso gomitata a Sagan. […]

Devi leggere

Potrebbe piacerti ancheIMPARENTATO
Consigliato a te