MotoriF1 Gp Monaco, vince facile Verstappen. Delusione per Leclerc...

F1 Gp Monaco, vince facile Verstappen. Delusione per Leclerc ma ottimo Sainz secondo

-

Rome
cielo sereno
23.7 ° C
25 °
22.4 °
91 %
1.5kmh
0 %
Dom
33 °
Lun
36 °
Mar
34 °
Mer
36 °
Gio
30 °

Con un bel sole e in assenza di incidenti o accanimenti di piloti di rilievo, questo Gran Premio di Monte-Carlo, dopo un anno di stop per Covid, resterà nella storia, come spesso accaduto, per un risultato finale difficilmente prevedibile. Anzi, quasi inconcepibile. E parecchio doloroso per alcune squadre di punta e per alcuni protagonisti, non poco delusi e arrabbiati.

Tuttavia, Verstappen, Sainz e Norris, sul podio in quest’ordine al termine dei soliti 78 giri del principato più bello del mondo, sono oggettivamente un bel gruppo di “abbastanza giovani” piloti, con tre team differenti e per una volta tanto senza una Mercedes. Dal punto di vista della varietà dell’ordine di arrivo, quindi, poco da dire.

Loading…

Peccato però per la magra dinamica. Come accennato, in assenza di grossi accadimenti, questa domenica si è verificata molto ripetitiva e del tutto pacata in termini di sorpassi, errori, rischi: nessuna frenata “impiccata” alla Sainte Dévote, nessun grosso azzardo. Insomma, giornata davvero piatta e l’assenza di buona parte dei big ha reso questa inossabile prova del mondiale poco godibile.

Gli spagnoli Sainz e Alonso

Incredibile però il punto di vista su questa competizione ad esempio dei tifosi spagnoli. Pochi anni fa, quando era in Renault e Alonso in McLaren, Sainz lottava per passarlo. E molto presto si è fatto notare per diverse lotte testa a testa allo scopo di avere il primato di giornata almeno fra i piloti iberici, anche nella gara di casa: la storia della Formula 1 ha visto anche questo, il “bambino” che incontra il suo idolo alle elementari mentre lui è già campione del mondo e qualche tempo dopo se lo ritrova di fronte e lo batte.

Questo più che mai accade oggi: Alonso guida una modesta Alpine e la interpreta meno bene del suo compagno Ocon, mentre Sainz guida una Ferrari e oggi, mentre non c’era la “prima guida”, sale addirittura sul podio, ben undici posizioni davanti al suo idolo e dietro solo a Verstappen, il secondo favorito al mondiale 2021.

Ultime Notizie

metà degli italiani teme di restare senza acqua

Emergenza idrica. Quasi la metà degli italiani (46%) teme di restare senza acqua. È quanto...

Formula 1, Gp Inghilterra, domenica 3 luglio, ore 16, dove in tv

Formula 1, Gp d’Inghilterra, domenica thrilling a Silvertone (ore 16).  Ferrari contro tutti. O la va...

Del Vecchio, il testamento: l’impero diviso per otto parti uguali. C’è anche Rocco Basilico

E’ ripartito in parti uguali tra la moglie e i figli, l’assetto societario della Delfin, la cassaforte della famiglia Del Vecchio. Lo rende popolare la stessa Delfin, a seguito dell’apertura delle disposizioni nel testamento di Leonardo Del Vecchio, distrutto lo passato 27 giugno. Sia la moglie, Nicoletta Zampillo Del Vecchio, che i figli, compreso Rocco […]

Vicenza, muore per mountaper bike: non si accorge del filo spperato, vola nel dirupo per 4 metri

Un 63enne di Bassano del Grappa, in provincia di Vicenza, è morto in seguito ad una violenta caduta con la sua mountain bike. L’incidente è avvenuto lungo una strada silvestre della Valmaron, nella zona dell’Altopiano di Asiago. Muore in mountain bike: sbalzato per diversi metri dietro schianto su filato spinato L’uomo era in passeggiata insieme […]

Covid, il bollettino di al giorno d’oggi 2 luglio: 84.700 nuovi casi, 63 morti, in aumento ricoveri e terapie intensive

Sono 84.700 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati di al giorno d'oggi 2 luglio del bollettino del governo della salve. Ieri erano stati 86.334. Le vittime sono invece 63, in calo rispetto alle 72 di ieri. Bollettino al giorno d'oggi, tasso di positività al 26% Sono stati eseguiti in tutto, tra antigenici […]

Tour de France ribaltati nella seconda tappa in Danimarca: alloro aJacobsen, Van Aert è la nuova maglia gialla

Ribaltone al Tour de France. L’olandese Fabio Jacobsen, 26 anni, freccia del team Quick Step, ha vinto la seunitamenteda pausa danese del Tour de France unitamente una volata potente, coraggiosa, unitamentevulsa, tattica. A 300 metri dal traguardo era in settima positura. Improvvisamente si è spalancato un corridoio l’ha infilato rifilando una mostruoso gomitata a Sagan. […]

Devi leggere

chiuso lo spazio aereo (sì quelli di linea)

G20, Roma “no-fly zone”, chiuso...

Potrebbe piacerti ancheIMPARENTATO
Consigliato a te