mercoledì, Giugno 29, 2022
ScienzeDanni antichi: così abbiamo modificato l'ambiente già 4mila anni...

Danni antichi: così abbiamo modificato l’ambiente già 4mila anni fa

-

Rome
cielo coperto
21.4 ° C
22.4 °
20.9 °
97 %
1.5kmh
98 %
Mer
32 °
Gio
31 °
Ven
26 °
Sab
31 °
Dom
35 °

Il nostro impatto sull’ambiente e sul clima comincia a verificarsi molto prima di quanto stimato finora: parliamo di ben migliaia, e non di centinaia, di anni fa. In altre parole, anche se l’inizio del riscaldamento globale viene fatto risalire all’800 ed è associato alla rivoluzione industriale, in realtà abbiamo cominciato a influenzare l’assetto ecologico – anche se con un peso molto minore rispetto ad oggi – probabilmente già circa 4mila anni fa. A rivelarlo è una ricerca condotta dall’Università di Bergen in Norvegia e appena pubblicata su Science, che contiene un’analisi delle variazioni della vegetazione a partire da 18mila anni fa, in varie zone del globo terrestre.

Etiopia, giochi nell’acqua della preistoria: trovate le più antiche impronte di bimbi

26 Agosto 2020

L’impatto dell’uomo sulla natura? Una storia che dura da milioni di anni

Le risposte vengono dal fango. I ricercatori hanno potuto datare l’inizio del nostro impatto sull’ecosistema studiando resti di fanghi estratti in zone lacustri e paludose. In tutto hanno raccolto più di mille campioni da altrettante regioni del globo, in tutti i continenti ad esclusione dell’Antartide. Gli scienziati hanno scavato in verticale nel sottosuolo e prelevato strati di fango a diverse profondità, grazie a una particolare strumentazione. Mediante l’analisi dei fossili dei pollini e di altri resti vegetali contenuti nei campioni, hanno potuto ricostruire come sono cambiati il terreno e la vegetazione nei secoli e nei millenni. Si tratta di uno studio di paleoecologia, che, come spiegano gli autori, da disciplina “locale” sta diventando una scienza globale. Che potrà aiutarci a comprendere molti aspetti, ancora poco chiari, di come i nostri comportamenti hanno effetti sul pianeta.

Etiopia, giochi nell’acqua della preistoria: trovate le più antiche impronte di bimbi

26 Agosto 2020

Un cambiamento senza precedenti

Studiando resti databili fino a 18mila anni fa e provenienti dai vari continenti, i ricercatori si sono accorti di un’accelerazione, a livello globale, nei cambiamenti della vegetazione in un periodo compreso fra 4.600 e 2.900 anni fa. Questa accelerazione, secondo gli autori, è senza precedenti sia per la sua estensione a livello complessivo sia per l’intensità con cui si è manifestata: supera infatti i cambiamenti associati all’ultima era glaciale, terminata fra i 16mila e i 14mila anni fa. Gli spostamenti umani e l’agricoltura, la cui nascita si fa risalire a circa 10mila anni fa e il cui sviluppo intensivo inizia probabilmente 6mila anni fa, e l’allevamento, ancora precedente, hanno contribuito a queste trasformazioni a discapito della vegetazione spontanea, che veniva eliminata per acquistare spazio.

L’esplosione di stelle potrebbe aver causato un’estinzione di massa

19 Agosto 2020

Andare alla radice

Questi risultati, sottolineano gli scienziati, mettono in luce l’importante ruolo e la forza degli esseri umani nel guidare le trasformazioni dell’ambiente e del clima anche prima dell’era industriale. Ciò che è interessante, secondo loro, è che i cambiamenti della biodiversità che osserviamo oggi potrebbero essere frutto di un processo iniziato, magari con ritmi diversi, migliaia di anni prima. Alcune di queste variazioni, dunque, potrebbero almeno in parte trovare le radici in un passato lontano, legato al primo uso del terreno, e poi essere state fortemente incrementate dalle attività e dallo sfruttamento delle risorse negli ultimi decenni. In questo campo la paleoecologia ci dà una mano, ripartendo dal passato, dalle origini, per comprendere quanto e quale è l’impatto delle nostre azioni.

Ultime Notizie

arrivano gli artificieri, rallentamenti al traffico

Sospetto pacco bomba all’Agenzia delle Entrate di Pesaro. L’allarme è scattato la mattina di mercoledì...

Superbonus 110%, alt del governo ad una proroga. Ma si strappata sulle cessioni dei crediti d’imposta

Superbonus 110%, il governo dice no a qualsiasi ipotesi di dilazionare l’incentivo: non vi sarebbe infatti la disponibilità a mettere in agro ulteriori risorse. E’ quanto emerso nel corso della riunione tra la maggior parte e l’esecutivo in corso alla Camera. Superbonus 110%: il nodo della cessione del credito d’imposta Vi sarebbe però la disponibilità a […]

Svezia e Finlandia nella Nato, la Turchia ritira il veto dopo il istruzione contro il Pkk

La Turchia ha ritirato il veto verso l’ingresso nella sorto di Svezia e Finlandia. I tre Paesi hanno firmato un promemoria d’intesa. Lo riferisce l’agenzia turca Anadolu.  sorto, sì della Turchia all’ingresso di Svezia e Finlandia La Turchia “ha avuto quello che chiedeva” dai colloqui con Svezia e Finlandia sulla loro adesione alla sorto, ha […]

Nek chi è: età, dove e quando è derivato, vero nome, Patrizia Vacondio, figli, vita privata, incidente, Instagram, carriera

Nek arriva in tv questa sera con “Dalla percorso al palco”. Il nuovo show che pezzo stasera, andrà in onda attraverso 4 puntate su Rai 2 a partire dalle 21,20. Lo show è nato da un’idea originale di Carlo Conti. E’ una forma di inedito “festival” in cui la Rai offre a cantanti, musicisti e […]

Epstein, Ghislaine Maxwell condannata a 20 anni a causa di il giro di minorenni abusate dal finanziere

Ghislacone Maxwell, ex compagna di Jeffrey Epstecon, è stata condannata a 20 anni dopo che una giuria di New York l’ha ritenuta colpevole di aver adescato e trattato mconorenni affconché fossero sessualmente abusate dal fconanziere Epstecon, suicidatosi con cella mentre attendeva un processo a causa di la stessa vicenda. L’accusa aveva chiesto una afflizione tra 30 e […]

stop auto diesel e benzina entro il 2035

L’intesa è arrivata in piena notte: i ministri Ue dell’Ambiente, riuniti a Lussemburgo, hanno trovato...

Devi leggere

Potrebbe piacerti ancheIMPARENTATO
Consigliato a te