SportDal ciclismo al tennis, made in Italy protagonista dei...

Dal ciclismo al tennis, made in Italy protagonista dei grandi eventi di maggio

-

Rome
cielo sereno
23.7 ° C
25 °
22.4 °
91 %
1.5kmh
0 %
Dom
33 °
Lun
36 °
Mar
34 °
Mer
36 °
Gio
30 °

Dopo ciclismo e tennis, che proprio a maggio mostrano il meglio del made in Italy, l’auspicio è che anche fitness e piscine possano riprendere al più presto l’attività visto il prezzo pagato a causa del lungo stop imposto dalla pandemia . È l’augurio di Anna Ferrino, presidente di Assosport (l’Associazione nazionale tra i produttori di articoli sportivi che conta 120 aziende in tutta Italia per oltre 300 brand, 9.300 addetti, un fatturato aggregato che sfiora i 5miliardi di euro, pari quasi al 40% del totale messo a segno nel 2019 da tutta l’industria italiana dello sport) rivolto agli operatori del settore.

In scena il grande sport

Dal Giro d’Italia di ciclismo che si concluderà il 30 maggio a Milano, agli Internazionali Bnl di Tennis a Roma (finale il 16 maggio scorso) «l’innovazione e le performance tecniche che caratterizzano i capi d’abbigliamento, gli attrezzi e le calzature realizzati dalle nostre imprese – commenta spiega Ferrino – corrono sulle gambe dei campioni, testimoni d’eccellenza dei risultati ottenuti finora dal comparto sul fronte della ricerca e della sostenibilità. Fieri di partecipare da protagonisti a spettacoli di richiamo mondiale, che mostrano il volto migliore del nostro Paese e le straordinarie potenzialità del suo tessuto produttivo. Appuntamenti che in prima battuta – aggiunge la presidente di Assosport – richiamano l’attenzione di appassionati di tennis e bici di lungo corso, ma che in prospettiva hanno il potere di avvicinare a queste discipline anche sportivi alle prime armi, affascinati dalle vittorie degli atleti. Due settori, quello del tennis e del ciclo, che sembrano risentire meno di altri del particolare periodo storico. L’augurio – conclude Ferrino – è che ripartano presto anche comparti duramente colpiti dalla pandemia come per esempio quello del fitness e delle piscine, che pagano lo scotto del lungo stop imposto agli impianti».

Loading…

Lo stato di salute del ciclismo

«Risposta al desiderio di stare all’aria aperta e mezzo che reiventa la mobilità – spiega Alessio Cremonese, amministratore delegato del gruppo Manifattura Valcismon Sportful Castelli – la bicicletta sta vivendo un buon momento. Il mercato ha reagito positivamente ai mesi di lockdown e alla riapertura è letteralmente esploso, anche sulla spinta di 2 tendenze nuove come e-bike e gravel-bike, tanto che la domanda di abbigliamento e calzature è arrivata anche a superare la capacità produttiva, fiaccata dalla chiusura delle aziende a inizio pandemia. Oggi c’è una grande fibrillazione attorno al settore e un evento come il Giro d’Italia rappresenta la ciliegina sulla torta ed è per noi una vetrina unica: con le nostre maglie vestiamo i corridori dei due team professionistici Ineos Grenadiers (tra cui Filippo Ganna) e

Bora-Hansgrohe
(con il ciclista Peter Sagan). Dall’Italia a Tokyo: alle prossime Olimpiadi vestiremo nuovamente la Federazione Ciclistica Italiana».
«Per noi – analizza Cristiano Barbazza, numero uno dell’azienda Rudy Project – non c’è niente di meglio che perfezionare i nostri prodotti tarandoli su esperienze e necessità degli atleti. Vedere correre sulle strade del Giro il team Bahrain Victorious con caschi e occhiali Rudy Project è sempre una grande emozione. I prodotti indossati dal team rappresentano la punta di diamante della tecnologia, come nel caso del casco da cronometro. E proprio al Giro, con la drammatica caduta di Matej Mohoric abbiamo avuto riprova di quanto siano fondamentali i nostri caschi per la sicurezza di atleti e amatori. Sempre più numerosi, questi ultimi, anche a causa della pandemia. Tutti gli sport all’aria aperta sono cresciuti negli ultimi mesi. Siamo fiduciosi che non si tratti di una tendenza passeggera: la domanda è destinata a rimanere alta a lungo, perché quando ti innamori di uno sport difficilmente lo abbandoni».

Il tennis «alimentato» dai giovani atleti

«Da diversi anni – ricorda Andrea Tomat, Presidente di Lotto Sport Italia – l’attenzione sul tennis è alimentata da un qualificato calendario di competizioni internazionali che si succedono durante tutto l’arco dell’anno in moltissimi Paesi e i cui tabelloni presentano le migliori tenniste e i migliori tennisti del momento. Se poi, a queste competizioni – ed è il caso degli Internazionali di Tennis di Roma – partecipano giovani fenomeni nazionali, allora la popolarità aumenta in modo esponenziale e l’effetto sull’interesse di appassionati e consumatori è sensazionale. Uno su tutti, Matteo Berrettini, che abbiamo avuto il piacere di sostenere come sponsor durante il torneo al Foro Italico e che ci rappresenta in tutti i principali tornei nel mondo».
«Con i nostri capi di abbigliamento altamente performanti e di fattura italiana – chiosa Lorenzo Maioli, amministratore delegato di Australian – siamo sponsor tecnico degli Internazionali Bnl d’Italia fin dal 2013. Torneo tra i più importanti al mondo, è un evento che dà lustro allo sport italiano e che mette in mostra una delle cornici più belle in cui giocare. Un onore essere stati tra i protagonisti anche quest’anno».

Ultime Notizie

metà degli italiani teme di restare senza acqua

Emergenza idrica. Quasi la metà degli italiani (46%) teme di restare senza acqua. È quanto...

Formula 1, Gp Inghilterra, domenica 3 luglio, ore 16, dove in tv

Formula 1, Gp d’Inghilterra, domenica thrilling a Silvertone (ore 16).  Ferrari contro tutti. O la va...

Del Vecchio, il testamento: l’impero diviso per otto parti uguali. C’è anche Rocco Basilico

E’ ripartito in parti uguali tra la moglie e i figli, l’assetto societario della Delfin, la cassaforte della famiglia Del Vecchio. Lo rende popolare la stessa Delfin, a seguito dell’apertura delle disposizioni nel testamento di Leonardo Del Vecchio, distrutto lo passato 27 giugno. Sia la moglie, Nicoletta Zampillo Del Vecchio, che i figli, compreso Rocco […]

Vicenza, muore per mountaper bike: non si accorge del filo spperato, vola nel dirupo per 4 metri

Un 63enne di Bassano del Grappa, in provincia di Vicenza, è morto in seguito ad una violenta caduta con la sua mountain bike. L’incidente è avvenuto lungo una strada silvestre della Valmaron, nella zona dell’Altopiano di Asiago. Muore in mountain bike: sbalzato per diversi metri dietro schianto su filato spinato L’uomo era in passeggiata insieme […]

Covid, il bollettino di al giorno d’oggi 2 luglio: 84.700 nuovi casi, 63 morti, in aumento ricoveri e terapie intensive

Sono 84.700 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati di al giorno d'oggi 2 luglio del bollettino del governo della salve. Ieri erano stati 86.334. Le vittime sono invece 63, in calo rispetto alle 72 di ieri. Bollettino al giorno d'oggi, tasso di positività al 26% Sono stati eseguiti in tutto, tra antigenici […]

Tour de France ribaltati nella seconda tappa in Danimarca: alloro aJacobsen, Van Aert è la nuova maglia gialla

Ribaltone al Tour de France. L’olandese Fabio Jacobsen, 26 anni, freccia del team Quick Step, ha vinto la seunitamenteda pausa danese del Tour de France unitamente una volata potente, coraggiosa, unitamentevulsa, tattica. A 300 metri dal traguardo era in settima positura. Improvvisamente si è spalancato un corridoio l’ha infilato rifilando una mostruoso gomitata a Sagan. […]

Devi leggere

Ray Liotta, è sfinito l’attore di Quei bravi ragazzi. Aveva 67 anni. Stava girando un film nella Repubblica Domenicana

E’ morto Ray Liotta. L’attore aveva 67 anni. Liotta è diventato uno degli attori più popolari del cinematografo americano interpretando uno dei protagonisti di Goodfellas (Quei bravi ragazzi) diretto da Martin Scorsese e di Field of Dreams (L’uomo dei sogni) insieme Kevin Costner. L’attore, seguente le prime informazioni, sarebbe morto nel sonno mentre si trovava […]

Potrebbe piacerti ancheIMPARENTATO
Consigliato a te