giovedì, Agosto 11, 2022
BikeCiclismo, Jonas Vingegaard vince il Tour dei colpi di...

Ciclismo, Jonas Vingegaard vince il Tour dei colpi di scena

-

Rome
cielo coperto
21.5 ° C
22.4 °
20.9 °
96 %
1.1kmh
100 %
Gio
28 °
Ven
31 °
Sab
30 °
Dom
33 °
Lun
28 °

Ascolta la versione audio dell’articolo

Si chiude in gloria, con un danese in giallo, il 109esimo Tour de France. Un Tour straordinario per emozioni e colpi di scena. Un Tour dal quale sarà difficile congedarsi. Come quei film che ci piacerebbe non finissero mai. Sappiamo che siamo all’epilogo, vediamo stagliarsi al tramonto l’Arco di Trionfo, la stordente giostra dei Campi Elisi (con la vittoria allo sprint del belga Jasper Philipsen, già primo a Carcassonne) ma non riusciamo a staccarci per la bellezza delle immagini e per quel senso pieno di sfida sportiva che, anche a Parigi, sembra non esaurirsi mai.

Non c’è retorica, non c’è trucco, non c’è inganno. Anche le lacrime e gli abbracci, a volte un po’ scontati, questa volta sono autentici come autentica è stata la sfida tra il vincitore, il danese Jonas Vingegaard, 25 anni, e il secondo che avrebbe dovuto essere primo, lo sloveno Tadej Pogacar, 23 anni, il baby fenomeno che ha trovato il suo degno rivale, il Re Pescatore, che vince, stravince e convince.

Due rivali fatti l’uno per l’altro

Due rivali, quasi nemici, e quasi amici, che sembrano inventati tavolino: troppi belli, troppo coraggiosi per essere veri. Come l’ultimo allungo di Pogacar a 6 km dalla fine del Tour. Giusto per stupirci, farci divertire fino alla fine. Sono fatti così: una generazione di fenomeni che corrono come surfisti sulle onde. Sempre all’attacco, sempre pronti a inventare qualcosa. Una mutazione genetica. Come se avessero abolito il vecchio ciclismo della fatica, con uno nuova disciplina che non ammette la noia o la prudenza dei vecchi saggi delle due ruote.

Diciamo la verità: tre settimane fa, quando è partito da Copenaghen, il Tour sembrava già scritto, cotto e bollito. Tadej Pogacar, già vincitore delle due precedenti edizioni, quasi metteva la firma anche sulla cronometro d’apertura. Un mostro insaziabile, con quel faccino da bravo ragazzo che nasconde la crudeltà di un serial killer.

Bravo, per carità, perfino troppo se non hai un avversario alla tua altezza. Anche un marziano alla lunga annoia. Ricordate Miguel Indurain? Formidabile, certo. Però che barba, sempre con la maglia gialla, anno dopo anno. E lasciamo perdere la dittatura di Lance Armstrong, fortunatamente finita nella polvere e cancellata per sempre dall’albo della Grande Boucle.

Ultime Notizie

indennizzabili 9 mesi, 10 gioni obbligatorio per il papà

Congedo parentale di maternità e paternità. A partire dal 13 agosto entrano a pieno regime...

Bollettino coronavirus 10 agosto 2022: 31.703 nuovi contagi, 145 morti. Tasso di positività stabile a 15,7%

Sono 31.703 i nuovi casi di coronavirus registrati con Italia nelle ultime 24 ore, secondo il bollettcono di mercoledì 10 agosto 2022. Ieri i contagiati erano stati 43.084. I morti sono 145, con calo riguardo a ai 177 di ieri, con direzione di un totale di 173.571 vittime dall’conizio della pandemia. Con 201.509 tamponi processati, tra antigenici e […]

Ilaria Cucchi e Aboubakar Soumahoro candidati di Verdi e manca Italiana: la sorella di Stefano e il sindacalista degli ultimi

unitamente Ilaria Cucchi, Aboubakar Soumahoro candidato di Verdi e SI. L’attivista sindacale ‘degli ultimi’ Aboubakar Soumahoro e Ilaria Cucchi, sorella di Stefano che ha unitamentedotto la battaglia per la verità sulla sua morte, saranno candidati unitamente Verdi-SI. unitamente Ilaria Cucchi, Aboubakar Soumahoro candidato di Verdi Lo hanno annunciato il impiegato di mano sinistra Italiana, Nicola Fratoianni […]

Benevento, asportato sarcoma al testicolo di oltre 5 kg: grande come un pallone da calcio

Eccezionale intervento chirurgico all’ospedale Sacro Cuore di Gesù di Benevento ove l’equipe di Urologia ha asportato un tumore al testicolo del pesatura di oltre 5 chili e delle “dimensioni di un pallone da calcio” a un 44enne. “Un caso clinico più unico che raro”, si legge nella conosciuta del presidio ospedaliero con riferimento alla massa […]

Angela Celentano dipartita 26 anni fa: la FOTO di come sarebbe oggi diffusa dalla famiglia

evo il 10 agosto del 1996 quando la piccola Angela Celentano, 3 anni appena, scomparve nel zero mentre faceva un pic nic con i genitori sul Monte Faito a Vico Equense (Napoli). In occasione del 26esimo anniversario di quel drammatico giorno, la famiglia ha esteso una fotografia realizzata dagli esperti dell’associazione Missing Angels Org, con […]

la FOTO di come sarebbe oggi diffusa dalla famiglia

Era il 10 agosto del 1996 quando la piccola Angela Celentano, 3 anni appena, scomparve...

Devi leggere

Potrebbe piacerti ancheIMPARENTATO
Consigliato a te