mercoledì, Giugno 29, 2022
GeneraleAgcom svegliati, par condicio dov'è?

Agcom svegliati, par condicio dov’è?

-

Rome
cielo coperto
21.4 ° C
22.4 °
20.9 °
97 %
1.5kmh
98 %
Mer
32 °
Gio
31 °
Ven
26 °
Sab
31 °
Dom
35 °

In tv l’informazione è maschilista, leghista, classista, sostiene Vincenzo Vita in questo articolo pubblicato anche sul Manifesto.

Sono state pubblicate sul sito dell’autorità per le garanzie nelle comunicazioni le  tabelle sui tempi di parola e di notizia dei soggetti politici ed istituzionali dal 19 agosto al 4 settembre 2021. Vale a dire il primo atto della par condicio. Che inizia dall’indizione dei cosiddetti comizi elettorali e si conclude all’atto del deposito di simboli e candidature.

Com’è andata? Una prima considerazione sovrasta quelle successive, perché è come una metafora del sistema mediatico.

Squilibrio di genere in tv. Sul totale del tempo di parola nei telegiornali lo spazio assegnato alle donne è di 5 ore (11% del totale), a fronte delle 40 (89%) appannaggio dei maschi.

Nelle trasmissioni in tv extra tg siamo a 20 ore (21%) contro 76 ore (79%). Spicca negativamente la Lega di Salvini, che conquista la maglia nera per la discriminazione sessista (0% a 100%).

Naturalmente, i dati sono solo una delle componenti del discorso. La questione, infatti, va ben al di là e riguarda linguaggi, narrazioni, stili, parole. Con qualche timida eccezione, in generale il flusso comunicativo è centrato sulla visione maschile del mondo.

Numerose sono le proteste delle commissioni pari opportunità delle organizzazioni sindacali e dell’associazione GiULiA giornaliste, ma l’ordine dominante non cambia. Del resto, l’infornata recente di nomine unisex al vertice della Rai è l’ulteriore conferma di una tendenza grave e inquinante.

Le tabelle ci raccontano innanzitutto questo. Ma non solo.

Risalta il privilegio accordato  in tv alla Lega

Il partito diretto da Matteo Salvini ottiene il 25,38% del tempo nelle principali edizioni dei telegiornali del servizio pubblico; il 23,69% nelle omologhe di Mediaset; il 40,27% ne La7; il 47,48% in Sky (satellite); il 48,41% ne la Nove. Il medesimo Salvini è in testa nella classifica delle personalità con maggior facoltà di parola nel Tg2, nel Tgcom24, nelle trasmissioni extra-tg ne La7. Alberto Bagnai, leghista, balza al comando nel ranking extra-tg di Skytg24. Sempre Salvini arriva secondo nel Tg5.

Come si vede, le proporzioni sono asimmetriche sia rispetto alle recenti consultazioni elettorali, sia nei riguardi (pur impropriamente) delle previsioni di voto.

Tra l’altro, c’è pure un filo di bizzarria. Oltre alla sottostima permanente di Liberi e uguali, nonché alla cancellazione dei radicali impegnati in raccolte di firme referendarie, Studio Aperto riduce all’1,21% Forza Italia. Forse una tattica per ribaltare le proporzioni a ridosso della scadenza amministrativa.

Poche  e afasiche le notizie sulle vertenze occupazionali in corso

In ogni caso, l’Agcom dovrebbe pure occuparsene, questo essendo uno dei compiti fondamentali previsti dalla legge istitutiva del 1997. Altrimenti, il monitoraggio diventa uno strumento di studio o di ricerca, mentre è una premessa utile per agire al fine di imporre il rispetto delle norme.

Ancora. Siamo alla vigilia di un turno inerente al rinnovo di enti ed autonomie locali. Sarebbero protagonisti della scena i comitati regionali per le comunicazioni (CORECOM), ugualmente previsti dalla l.249. Stanno vigilando? Magari sì, e in tal caso ci scusiamo. Tuttavia, nulla si sente, al cospetto di una informazione discutibile. Va rammentato che adesso, nel periodo  delle maglie strette della par condicio, tutte e tutti i soggetti hanno diritto ad eguale rappresentazione. Senza esclusioni o preferenze.

Comunque, al netto di ogni considerazione sui minutaggi attribuiti ai partiti, è drammaticamente urgente riequilibrare la parità di genere. Subito, senza se e senza ma.

PS: nell’articolo intitolato “Netflix e la produzione europea, perché passare dal 17 al 25 oer cento li fa delirare”, si fece notare come Netflix avesse impropriamente protestato per l’articolo sulle quote obbligatorie di investimento nella produzione di film e fiction previsto dal decreto legislativo 288 (in discussione nelle competenti commissioni parlamentari), che recepisce la direttiva europea sui servizi audiovisivi. Nei giorni passati sono uscite intere paginate (a pagamento, si suppone) su diversi quotidiani per ribadire le ragioni del gruppo. Ma costano di più le inserzioni o le quote?

 

 

 

 

 

 

Ultime Notizie

amore, umore, per tutti i segni

Oroscopo domani 30 giugno 2022 Toro (22 aprile-20 maggio): chiarire le idee Oroscopo domani Toro umore  La...

arrivano gli artificieri, rallentamenti al traffico

Sospetto pacco bomba all’Agenzia delle Entrate di Pesaro. L’allarme è scattato la mattina di mercoledì...

Superbonus 110%, alt del governo ad una proroga. Ma si strappata sulle cessioni dei crediti d’imposta

Superbonus 110%, il governo dice no a qualsiasi ipotesi di dilazionare l’incentivo: non vi sarebbe infatti la disponibilità a mettere in agro ulteriori risorse. E’ quanto emerso nel corso della riunione tra la maggior parte e l’esecutivo in corso alla Camera. Superbonus 110%: il nodo della cessione del credito d’imposta Vi sarebbe però la disponibilità a […]

Svezia e Finlandia nella Nato, la Turchia ritira il veto dopo il istruzione contro il Pkk

La Turchia ha ritirato il veto verso l’ingresso nella sorto di Svezia e Finlandia. I tre Paesi hanno firmato un promemoria d’intesa. Lo riferisce l’agenzia turca Anadolu.  sorto, sì della Turchia all’ingresso di Svezia e Finlandia La Turchia “ha avuto quello che chiedeva” dai colloqui con Svezia e Finlandia sulla loro adesione alla sorto, ha […]

Nek chi è: età, dove e quando è derivato, vero nome, Patrizia Vacondio, figli, vita privata, incidente, Instagram, carriera

Nek arriva in tv questa sera con “Dalla percorso al palco”. Il nuovo show che pezzo stasera, andrà in onda attraverso 4 puntate su Rai 2 a partire dalle 21,20. Lo show è nato da un’idea originale di Carlo Conti. E’ una forma di inedito “festival” in cui la Rai offre a cantanti, musicisti e […]

Epstein, Ghislaine Maxwell condannata a 20 anni a causa di il giro di minorenni abusate dal finanziere

Ghislacone Maxwell, ex compagna di Jeffrey Epstecon, è stata condannata a 20 anni dopo che una giuria di New York l’ha ritenuta colpevole di aver adescato e trattato mconorenni affconché fossero sessualmente abusate dal fconanziere Epstecon, suicidatosi con cella mentre attendeva un processo a causa di la stessa vicenda. L’accusa aveva chiesto una afflizione tra 30 e […]

Devi leggere

Incontro utile, ci vedremo ogni settimana

Mario Draghi e Matteo Salvini...

Potrebbe piacerti ancheIMPARENTATO
Consigliato a te