HomeUncategorizedScuole chiuse per maltempo ad Ancona, Senigallia, Osimo, Jesi e Falconara giovedì...

Scuole chiuse per maltempo ad Ancona, Senigallia, Osimo, Jesi e Falconara giovedì 7 ottobre

Scuole chiuse per maltempo giovedì 7 ottobre in alcuni Comuni delle Marche: dopo l’allerta meteo arancione, i Comuni di Ancona, Senigallia, Osimo, Jesi e Falconara hanno deciso di chiudere domani in via precauzionale le scuole di ogni ordine e grado, sia pubbliche sia private.

Scuole chiuse per maltempo giovedì 7 ottobre

“Capita raramente di ricevere dalla Protezione Civile una simile allerta: l’ultima arancione è arrivata tre anni fa – scrive su Facebook la sindaca di Ancona, Valeria Mancinelli – L’allerta è per il rischio alluvione, esondazioni, frane e vento”.

La decisione della sindaca di Ancona, Valeria Mancinelli

“Insieme ad altri sindaci della zona (Senigallia, Osimo, Jesi e Falconara, al momento) – aggiunge Mancinelli – abbiamo deciso in via precauzionale la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, pubbliche e private, per la giornata di domani”.

“Una decisione che non si prende a cuor leggero, – spiega la sindaca – sapendo i disagi che si creano per le famiglie, vista anche l’ora. Ma le indicazioni della Protezione Civile sono chiare e non possiamo ignorarle e rischiare, in particolare per bambini e ragazzi, essendo l’allarme soprattutto per le prime ore della giornata, cioè quando migliaia di persone si muovono”.

“Non possiamo intervenire sulle attività lavorative, pubbliche e private, – conclude – ma raccomandiamo se possibile di non muoversi da casa se non per necessità di lavoro o altre necessità non rinviabili”.

A Fano riunione del Centro operativo comunale

A Fano si è riunito il Coc (Centro operativo comunale) per una ricognizione sulla stato del territorio fanese in vista del maltempo che potrebbe colpire la città nelle prossime ore.

Gli operatori, alla presenza del vicesindaco Cristian Fanesi, hanno convenuto di iniziare le fasi di monitoraggio dei volontari della Protezione Civile su tutte quelle zone a rischio idrogeologico e idraulico. “Per il momento – fa sapere il Comune – non state prese decisioni”.