HomeUncategorizedLaura Ziliani, la storia della dipendente del Comune di Roncadelle ritrovata morta...

Laura Ziliani, la storia della dipendente del Comune di Roncadelle ritrovata morta a Vione: movente, avvelenamento, misteri

Quella di Laura Ziliani è una storia di cronaca nera di cui si è molto parlato nell’estate 2021. Laura, originaria di Temù (Brescia), è scomparsa l’8 maggio. Il suo cadavere è stato trovato l’8 agosto e riconosciuto qualche giorno più tardi. Ma la storia è tutt’ora densa di misteri. Andiamo con ordine.

Laura Ziliani scomparsa da Temù l’8 maggio 2021

L’8 maggio 2021 Laura Ziliani scompare nel nulla. La figlia maggiore alle ore 11,58 dello stesso giorno chiama il 112 e lancia l’allarme. L’Ansa riporta le parole della ragazza, che ha 27 anni: “È uscita di casa alle 7 per andare a fare una passeggiata, dovevamo vederci alle 10 per andare in discarica a portare vecchi mobili, ma non è mai arrivata”.

Laura Ziliani, vigilessa, lavorava al comune di Roncadelle

Laura fa la vigilessa, lavora al comune di Roncadelle. Nel suo paese di origine e sul posto di lavoro nessuno ha idea di cosa potesse esserle successo. Apparentemente, non aveva niente da nascondere.

La donna, vedova dal 2012, abitava a Brescia ma nel fine settimana tornava in Val Camonica. Aveva infatti una grande passione per la montagna. E’ proprio in montagna è scomparsa.

Il 23 maggio, ai piedi di un torrente della zona di Temù, viene trovata una scarpa da montagna. In molti temono sia di Laura.

Il ritrovamento del cadavere di Laura Ziliani

L’8 agosto viene ritrovato un cadavere nei boschi tra il fiume Oglio e Temù. Gli investigatori non hanno dubbi sul fatto che sia di Laura Ziliani. E la prove del Dna lo conferma.

Il riconoscimento, e quindi la certezza, è stata fornita da una ciste sotto il piede destro. Ma un altro particolare è risultato determinante. Sui lobi delle orecchie c’erano degli orecchini che i parenti della donna svanita nel nulla lo scorso otto maggio hanno riconosciuto essere di Laura Ziliani.

Non è ancora chiara invece la natura del decesso. La donna è stata ritrovata senza vestiti e con i capelli rasati (ma questo potrebbe derivare da una caduta dei capelli post mortem). Sul corpo non ci sono segni evidenti di violenza e servirà quindi un’analisi degli organi interni per valutare l’ipotesi dell’avvelenamento e il medico legale aspetta anche l’esito dell’esame tossicologico. Anche la Tac non ha evidenziato fratture e quindi gli inquirenti escludono al momento che il cadavere possa essere stato trascinato dalla corrente del fiume Oglio che nei giorni scorsi era in piena a causa delle forti piogge. Difficile, sempre perché il cadavere non presenta fratture, pensare a un incidente in montagna con caduta in un burrone.

Laura Ziliani è stata avvelenata?

Col passare dei giorni prende piede l’ipotesi dell’avvelenamento. I sospetti si concentrano su una delle figlie della vittima, che lavora in una Rsa. Ma dalla struttura fanno sapere che non manca alcun medicinale.

I sospetti sulle figlie e il possibile movente

Sulla vicenda viene aperta una inchiesta per omicidio volontario e occultamento di cadavere. Le indagate sono la prima e la terza figlia di Laura Ziliani e il fidanzato della maggiore. “Sappiamo almeno che fine ha fatto Laura, ora serve la verità”: questo il primo commento della parte della famiglia non coinvolta nell’indagine, dopo la prova del Dna.

Altro particolare che desta sospetti: la figlia mezzana e i due fratelli di Laura Ziliani sono rappresentati da un consulente nominato dall’avvocato al quale i familiari si sono affidati. Un legale diverso da quello che assiste le ragazze indagate.

Sì, ma quale può essere il movente? Chi in paese punta il dito contro gli indagati ipotizza il movente economico. C’era la questione del bed and breakfast che le figlie volevano fare nella casa di famiglia in via Ballardini a Temù. Ma sul cui progetto sembra che la mamma avesse qualche remora. Tra le ipotesi anche il controllo del patrimonio immobiliare della donna, che tra Temù, Malonno, Edolo e Brescia conta una decina di immobili. 

Tutte ipotesi, al momento: quel che è certo è che dopo 4 mesi, questo delitto non ha ancora risposte.