HomeUncategorizedPezzo di m...., ti faccio male. Risarcito con 2500 euro, soldi andranno...

Pezzo di m…., ti faccio male. Risarcito con 2500 euro, soldi andranno in beneficienza

Un sottoufficiale dei Carabinieri in servizio a Copparo in provincia di Ferrara si era ritrovato la propria bacheca Facebook ricoperta di insulti rivolti non solo a lui ma anche alla sua famiglia. 

Una decina di messaggi che sono finiti al centro di una querela per diffamazione aggravata commessa nei confronti di un pubblico ufficiale e a causa dell’adempimento delle proprie funzioni. 

Carabiniere risarcito per diffamazione aggravata 

Il carabiniere, 53 anni, ha ora deciso di ritirare la denuncia dopo aver ricevuto un risarcimento.  I soldi finiranno in beneficenza. “La denuncia era doverosa anche per stigmatizzare un comportamento inaccettabile” spiega il suo avvocato Denis Lovison. Che aggiunge: “Abbiamo evitato di fare un processo però l’accaduto non poteva rimanere completamente incompiuto. E ora, il denaro del risarcimento verrà utilizzato per fare del bene”. 

La vicenda risale al giugno 2019. Il sottoufficiale viene a conoscenza delle offese (“pezzo di m…”, “cornutazzo”, sacco di m….”, crepa letamaio, rottame”) da alcuni amici. Offese abbastanza pesanti. Eccone altre: “Non hai il coraggio di affrontarmi in borghese”, “ti faccio male”, “ti rompo il c…”, “non vali niente”.

Offesa anche la famiglia del Carabiniere 

Oltre al sottoufficiale, le offese erano dirette alla sua famiglia. A scoprire l’autore dei post è stato il carabiniere stesso. Chi si nascondeva dietro le offese aveva infatti provato a camuffare nome e foto del profilo evidentemente in maniera goffa. Si è così scoperto che l’autoree era un uomo denunciato poco tempo prima dal carabiniere stesso per violenza, oltraggio e minaccia a pubblico ufficiale. 

I 2500 euro di risarcimento andranno ora alla fondazione Onlus Casaviva di Saletta che si occupa di assistenza a ragazzi disabili. Qui, negli anni passati il carabiniere ha svolto attività di volontariato.