HomeUncategorizedKabul, madri gettano i figli oltre il filo spinato dell'aeroporto e chiedono...

Kabul, madri gettano i figli oltre il filo spinato dell’aeroporto e chiedono ai militari di prenderli VIDEO

Kabul, madri disperate gettano i propri figli oltre il filo spinato dell’aeroporto e chiedono ai soldati di prendeli. A mostrare le immagini molto forti è Skynews: i militari al di là della rete sono paracadutisti britannici che stanno aiutando nelle operazioni di evacuazione dei civili.

Kabul, bimbi lanciati al di là della rete all’aeroporto: alcuni restano impigliati

“E’ stato orribile, le donne hanno lanciato i loro bambini oltre il filo spinato” all’aeroporto “chiedendo ai soldati di prenderli’. A raccontare  a Skynews quello che sta accadendo è un alto ufficiale afgano, che ha aggiunto che alcuni bimbi “sono rimasti impigliati nel filo spinato”. In fondo all’articolo un video rilanciato anche dal Sun.

Kabul,checkpoint talebani per non raggiungere l’aeroporto

I talebani hanno intanto istituito dei checkpoint che impediscono agli afgani di raggiungere l’aeroporto di Kabul. Lo riferisce la Bbc spiegando che circa 4.500 soldati statunitensi controllano l’aeroporto ma tutte le strade che portano ai terminal sono sotto il controllo dei talebani. Gli insorti in particolare non consentono agli afgani che non hanno i documenti di raggiungere l’aeroporto ma spesso bloccano anche chi li possiede. 

Prosegue ponte aereo verso l’Italia, altri 400 verso Roma

La mattina di oggi, giovedì 19 agosto, alle 8 è decollato da Kabul un C130 dell’Aeronautica Militare che ha evacuato 99 cittadini afghani. Nella notte un altro velivolo C130 era decollato da Kabul con a bordo 95 persone. Dopo uno scalo tecnico, tutti saranno trasportati con i KC767 in Italia dove il prossimo volo giungerà nelle prossime ore. Oggi ulteriori 2 C130J decolleranno dal Kuwait per Kabul. Nella tarda mattinata atterrerà a Fiumicino un KC 767 con a bordo 200 afghani evacuati ieri dalla capitale afghana. Lo fa sapere il ministero della Difesa.  

Con l’arrivo odierno sono oltre 500 gli ex collaboratori e loro familiari trasferiti in Italia dal giugno scorso quando con l’operazione Aquila 1 furono portati nel nostro Paese 228 afghani. La Difesa ha messo in campo per l’operazione Aquila Omnia, pianificata e diretta dal Comando operativo di vertice interforze, comandato dal generale Luciano Portolano, 8 aerei, 4 KC767 che si alternano tra l’area di operazione e l’Italia e 4 C130J, questi ultimi dislocati in Kuwait, da cui parte il ponte aereo per Kabul.

Sono oltre 1500 i militari italiani impegnati su disposizione del ministro della Difesa Lorenzo Guerini in questa complessa operazione per il ponte aereo Roma-Kabul. Personale del Joint Force HQ (JFHQ), del Comando Operazioni Forze Speciali (COFS), della Joint Evacuation Task Force (JETF), della Joint Special Operation Task Force (JSOTF), del Comando Operazioni Aerospaziali AM (COA), della 46^ Brigata Aerea, del 14/o Stormo dell’Aeronautica Militare, della Task Force Air di Al Salem (Kuwait), oltre a tutti i militari delle Forze Armate e dei Carabinieri preposti alla accoglienza e gestione al loro arrivo in Italia (video Agenzia Vista/ALexander Jakhnagiev).