HomeUncategorizedAnna Sacks, l'attivista ambientale che rovista nei cassonetti di New York alla...

Anna Sacks, l’attivista ambientale che rovista nei cassonetti di New York alla ricerca di cibo e oggetti VIDEO

Anna Sacks rovista nella spazzatura nel centro di Manhattan. La donna compie questo gesto dal  2018: in quell’anno ha cominciato a compiere quelle che lei chiama “passeggiate spazzatura” con lo scopo di trovare scarti di cibo e oggetti utilizzabili. Il tutto ha uno scopo ben preciso e viene documentato tramite una telecamera su Instagram e su Tik Tok con il nickname @trashwalker.

Anna Sacks, l’attivista che rovista tra i rifiuti di New York

La Sacks, un’attivista ambientale di 30 anni, sembra combattere contro la cultura del buttare via le cose e della produzione di rifiuti inutili. La sua sembra una battaglia enorme di fronte alla complessità del problema. Frugando tra la spazzatura di New York, la città più densamente popolata degli Usa, Sacks spera di far capire che molti oggetti che riteniamo rifiuti in realtà non lo sono . 

Le passeggiate tra i rifiuti 

Le sue passseggiate tra i rifiuti, in qusesti anni hanno attirato l’interesse dei media. Tra questi il Today Show che nel 2019 ha seguito la Sacks nella sua ricerca. Stessa cosa ha fatto nel 2020 il New York Post. In quell’occasione, la Sacks ha mostrato che Starbuck “butta via una quantità incredibile di cibo invenduto ogni notte”.

L’attivista definisce il suo gesto in questo modo: “Faccio questo perché lo amo ed è divertente ed eccitante e mi rilassa. Perdo la cognizione del tempo”.

All’inizio di quest’anno, Sacks ricorda di aver trovato “borse e borse” piene di decorazioni e accessori obsoleti fuori da un negozio Party City, racconta La Stampa che le dedica un articolo.

E ancora: tovaglioli e tovaglie di Capodanno, piatti di San Valentino, merchandising della NFL e del Super Bowl. Dopo aver portato a casa più oggetti possibile, la 30enne ha pubblicato un post su Facebook. Pochi giorni dopo, una donna che ha visto il suo messaggio ed è passata a prendere alcuni degli oggetti, sperando di usarli nell’ospedale pediatrico dove lavora.

“Onestamente, per cominciare, questa roba non dovrebbe mai essere gettata via, dal il mio punto di vista finché è buona, dovrebbe essere usata” dice l’attivista.

Cibi e caramelle scaduti da solo un mese, la Sacks li trova e se li mangia

Sacks mangia molti dei cibi e delle caramelle non aperti che trova nell’immondizia perché sono scaduti solo da un mese. Il cibo buttato, a detta dell’attivista è sempre sicuro da mangiare. Per questa ragione, piuttosto che in discarica dovrebbero essere sempre donati.

Un suo video recente (visibile in fondo all’articolo) è stato girato al di fuori di un altro CVS. Pubblicato su Tik Tok il 7 luglio, è stato visto da più di 2,5 milioni di persone. I commenti ricevuti sono stati 5.500. Nel video, la Sacks mostra di aver trovato sacchi della spazzatura pieni di M&Ms non aperti, cioccolatini Lindt, barrette di cioccolato e altre caramelle. Non solo rifiuti di grandi azienda: l’attivista racconta di aver rovistato anche tra i rifiuti residenziali e scolastici sempre a Manhattan (video Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev).