HomeUncategorizedAfghanistan, rischio attentati Isis con kamikaze all'aeroporto di Kabul: l'allarme dell'intelligence occidentale

Afghanistan, rischio attentati Isis con kamikaze all’aeroporto di Kabul: l’allarme dell’intelligence occidentale

C’è un alto e “specifico” rischio di attentati kamikaze da parte dei terroristi Isis contro le operazioni di evacuazione all’aeroporto di Kabul, in Afghanistan, condotte dagli occidentali. Lo riferiscono le intelligence di Usa, Gran Bretagna e Germania.

L’Isis nella regione ha attiva la costola ‘Provincia del Khorasan’ (l’antico nome persiano del territorio che abbraccia anche l’odierno Afghanistan), nata anni fa in competizione con l’estensione asiatica di al Qaeda.

Si temono in particolare attacchi kamikaze contro militari e civili ancora imbrigliati nella ressa all’aeroporto. “C’è un afflusso di potenziali kamikaze in città”, avvertono gli 007.  

L’allarme degli 007 in Afghanistan: “Rischio attentati Isis all’aeroporto di Kabul”

Gli Usa, riporta la Cnn, credono che l’Isis-K, una branca dello Stato Islamico nemica giurata dei talebani, voglia creare caos all’aeroporto di Kabul e hanno un flusso di informazioni secondo cui ne hanno la capacità e starebbero pianificando attacchi multipli in Afghanistan.

Una fonte dell’antiterrorismo nella regione ha riferito all’emittente che alcune centinaia di membri dell‘Isis-K potrebbero essere scappate dalle prigioni di Bagram e Pul-e-Charkhi, entrambe a est di Kabul e cadute nelle mani dei talebani poco prima che entrassero nella capitale afghana.

Secondo un dirigente del precedente governo afghano c’erano circa 5.000 detenuti nella base di Bagram quando gli Usa l’hanno lasciata in luglio, compresi membri dei talebani, di al Qaeda e dell’Isis, insieme a criminali comuni.

Dirigenti dell’intelligence Usa avevano riferito precedentemente sempre alla Cnn che i membri dell’Isis-K includono “un piccolo numero di veterani jihadisti dalla Siria e altri foreign fighters“, aggiungendo che gli Stati Uniti hanno identificato da 10 a 15 dei loro massimi dirigenti operativi in Afghanistan.

Cremlino: “Alto rischio di attacchi da parte dell’Isis”

Lo stesso Cremlino aveva avvertito dell’alto livello di minaccia terroristica in Afghanistan perché i membri del gruppo terroristico dell’Isis sono presenti nel Paese. Lo ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov.

“Per quanto riguarda gli attacchi terroristici, l’unica cosa certa è che oltre ai talebani, ci sono anche membri dell’Isis in Afghanistan. Non sono nativi del Paese, ma sono veri terroristi. Ecco perché la minaccia terroristica in Afghanistan è certamente molto alta”, ha sottolineato Peskov.