HomeTecnologiaTutto pronto: Bezos si prepara a fare un giro nello spazio (vero)

Tutto pronto: Bezos si prepara a fare un giro nello spazio (vero)

In più, rispetto al mezzo di Branson, ha un meccanismo di salvataggio in caso qualcosa non vada nel decollo. Sta infatti in cima a un razzo che arriva a 4500 chilometri all’ora e poi, alla massima altezza, lascia la capsula e torna buono buono alla base di lancio, in Texas mentre la capsula stessa vola da sola per 10-11 minuti regalando qualche momento, si parla di 3-4 minuti, della tanto attesa mancanza di peso, che metterà a dura prova lo stomaco di qualcuno dei facoltosi passeggeri in futuro.

La statistica è statistica. Non c’è pilota e i pochi minuti di assenza di peso che i passeggeri si possono godere sono tutti per loro: il pilota è un software di intelligenza artificiale che li riporterà al suolo grazie a robusti paracaduti.

I passeggeri spaziali

A bordo con il temerario Bezos – ogni volo nello spazio è comunque un rischio – ci saranno il fratello Mark, 53 anni, Oliver Daemon, studente matricola di Fisica e anche lui figlio di un milionario, che a soli 18 anni sarà il più giovane passeggero a raggiungere lo spazio, titolo che finora apparteneva a German Titov, che con la Vostok 2 nel 1962 volò con la allora dominante Unione Sovietica.

Ma la simpatia di tutto l’ambiente va alla più vecchia passeggera spaziale che il 20 salirà nella navicella: Wally Funk, oggi 83 anni, che fece parte dello sceltissimo gruppo delle Mercury 13 nei primi anni 60 quando Nasa selezionò e addestrò per lo spazio, ma mai fece volare, un manipolo di donne pilote. Il più giovane e la più vecchia, come è giusto che sia nei record.

Quanto al quinto passeggero, quello che aveva vinto la riffa per l’unico biglietto disponibile per questo primo volo offrendo 28 milioni, non si è presentato per sopravvenuti impegni. Probabilmente gli avranno spiegato che anche godersi tutti quei soldi sulla Terra non è poi così male. Meno avventuroso, questo sì.