HomeBike«Resto al Sud»: ora è possibile lavorare nel cicloturismo anche nel Meridione

«Resto al Sud»: ora è possibile lavorare nel cicloturismo anche nel Meridione

Il fondo di un 1 miliardo e 250 milioni di euro sostiene la nascita e lo sviluppo di nuove attività imprenditoriali in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia e nelle aree del cratere sismico del Centro Italia (Lazio, Marche, Umbria), copre fino al 100% delle spese, con un finanziamento massimo di 50.000 euro per ogni richiedente, che può arrivare fino a 200.000 euro nel caso di società composte da quattro soci.

«Vogliamo allargare la rete dei punti in cui poter noleggiare e-bike e organizzare tour alla scoperta dei territori coinvolgendo nuovi imprenditori e partner su tutto il territorio nazionale e in particolare nel Sud Italia e lungo la Ciclovia Tirrenica, 400 km di percorsi ciclabili da Ventimiglia a Roma, dove stiamo già lavorando. – spiega Massimo Infunti, Ceo di BikeSquare – Metteremo a disposizione di chi vuole avviare un’impresabici, supporto tecnico e know how, condividendo la nostra filosofia di promozione del cicloturismo e della mobilità attiva».

BikeSquare è specializzata nel cicloturismo basato su bicicletta elettrica. L’app geolocalizzata permette di visitare 29 destinazioni in Italia, Spagna e Slovenia, consigliando per ogni zona i percorsi consigliati, alla portata di tutti, da pedalare in autonomia oppure con una guida.

Lungo i percorsi sono segnalati agriturismi, cantine, ristoranti, alberghi e tutto quello che può servire al turista ciclista che vuole conoscere il territorio e fare esperienze culturali e gastronomiche.Il costo per aprire un punto di noleggio BikeSquare si aggira indicativamente dai 20.000€ ai 45.000€ e dipende dal numero e dalla tipologia di e-bike che si vogliono acquistare e dalla posizione del negozio.