HomeMotoriF1, la prima di stagione è di Bottas ma Leclerc convince e...

F1, la prima di stagione è di Bottas ma Leclerc convince e arriva secondo

In una bella giornata di sole ma senza pubblico, la Mercedes Amg F1 stava per concludere con una doppietta il primo gran premio disputato in questo inedito 2020: in effetti sul tracciato di Spielberg ha dominato dall’inizio alla fine, attuando pure una strategia gomme conservativa. Ma se sotto la bandiera a scacchi hanno tagliato per primi Bottas ed Hamilton, il sei volte campione del mondo finisce giù dal podio e scende di ben due posizioni, concludendo quarto e cedendo così gli onori del giorno a Leclerc e Norris.

Un finale “sconvolgente” con posizioni inedite e stimolanti, che ha ribaltato previsioni e ipotesi fatte osservando il passo e le strategie di una domenica di Formula 1 tutt’altro che convenzionale. Una piccola ma decisiva rivoluzione della classifica che ha permesso quindi di togliere la noia da una prova, seppure attesa dal pubblico di tutto il mondo, che sembrava poter naufragare ancora una volta in un esito scontato e deludente per le tifoserie diverse da quelle della stella a tre punte.

Loading…

Fino a pochi giri dalla fine, infatti, non erano mancati tanti colpi di scena, eccetto che per i due leader della corsa: Bottas, in pole e al comando senza sosta dall’inizio, oltre ovviamente a Hamilton. Gli otto ritiri per ragioni differenti, soprattutto relativi all’affidabilità e, forse, alla “mano” poco allenata dei meccanici nel cambio gomme, hanno pesantemente condizionato anche altre posizioni di rilievo in classifica. Una situazione anomala, mai vista negli ultimi anni. Nemmeno alla prima gara, dove è plausibile avere qualche problema in più. Nemmeno a Singapore.

L’ordine di arrivo non rispecchia il potenziale vero delle auto pertanto, già fra sette giorni, gli equilibri potrebbero tornare a quelli ipotizzati dalle prove di venerdì e sabato, dove dietro le Mercedes si posizionavano soprattutto le Red Bull, con McLaren capace di insidiare la Ferrari, pesantemente in ritardo anche rispetto a se stessa, visto che anche in qualifica ha fatto segnare tempi più lenti rispetto alle monoposto del 2019 con gli stessi piloti.

Safety car, la vera protagonista della giornata

Entrata due volte. Decisiva e “allungata” sul finale a causa di un imbarazzante ritiro di Raikkonen: il pilota dell’Alfa Romeo Racing ha infatti mandato in scena una strana e potenzialmente molto pericolosa perdita della gomma anteriore destra. Due i possibili scenari che potrebbero essersi verificati: o i meccanici hanno plausibilmente perso l’abitudine a fare il pit-stop, oppure s’è rotto qualcosa. Visto il personaggio, potrebbe essere difficile sapere se veramente se ne è accorto, considerata la sua esperienza, tentando di arrivare ai box, oppure se è stato davvero un evento improvviso. È difficile vedere una ruota staccarsi così dal mozzo una volta completato quasi un giro!